A- A+
Cronache
Violentata sul treno: "Vivo in Germania, lì mai successo. In Italia due volte"
(Fonte: Pexels)

Violentata sul treno: "Mi è rimasto un trauma, adeso ho paura"

Violentata sul treno tra l'indifferenza di altri passeggeri. E' ancora sotto choc la ragazza di 21 anni che ha subìto violenza sessuale sul treno del passante milanese che collega Varese a Treviglio, tra le fermate del metrò di Porta Garibaldi e Porta Vittoria, è ancora sconvolta. Per guarire le ferite psicologiche - si legge sul Corriere della Sera - ha scelto di raggiungere i genitori nella loro casa in Toscana alla ricerca di un po' di serenità. La Polizia ferroviaria sta, intanto, visionando le telecamere che erano sul treno e nelle stazioni: Non smetterò di viaggiare, ma quanto accaduto ha impattato molto sul modo in cui considero la realtà; ora ho un'idea negativa di cosa significhi essere su un treno o in metrò. Mi è rimasto il trauma legato a “quel” posto, la metropolitana di Milano, nel tratto in cui ho subìto l’aggressione.

"Ed è cambiata - prosegue la ragazza al Corriere - la mia percezione del pericolo: ora so che qualcosa di brutto può accadere e travolgerti quando non te lo aspetti. Ora vivo e lavoro in Germania e lì non mi è mai successo niente. In Italia invece sono frequenti le molestie o il cat calling in strada. Un episodio grave di violenza sessuale mi capitò quando avevo 14 anni. In quel caso il responsabile era un ragazzo maggiorenne, che non sono mai riuscita a denunciare. Adesso ho compiuto un grande passo denunciando perché subito dopo quella prima volta non ce l’avevo fatta".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
violentata sul treno
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.