BANNER

Minacce, calci e schiaffi agli anziani che avrebbero dovuto accudire. Sono finite per questo in manette le due titolari di una comunita' alloggio per anziani della provincia di Viterbo, ritenute responsabili di reiterati maltrattamenti nei confronti di ospiti della struttura. Dalle indagini - coordinate dal sostituto procuratore presso il Tribunale di Viterbo Renzo Petroselli - i carabinieri del Nas di Viterbo e del Comando Provinciale hanno accertato che gli anziani (tra cui alcuni non autosufficienti) subivano ingiurie, minacce, percosse (calci e schiaffi) e costrizioni fisiche. Le titolari della casa di riposo sono ai domiciliari.

Lorenzin, azione incessante a tutela anziani e disabili - "L'operazione condotta a Viterbo dai Carabinieri del Nas conferma la straordinaria importanza della task force che ho istituito per il controllo sul funzionamento delle case di accoglienza per anziani e disabili. Non consentiremo mai, ad alcuno, di ledere il rispetto e la dignita' delle persone, che nelle strutture devono essere accudite garantendo i principi fondamentali del diritto alla salute". Lo dichiara il ministro della Salute Beatrice Lorenzin. "La nostra azione a tutela delle persone piu' fragili - prosegue - sara' incessante grazie all'opera dei Carabinieri del Nas, che hanno gia' ispezionato oltre 1000 case di cura e ai quali esprimo ancora una volta la mia gratitudine".

2013-11-26T13:09:25.117+01:002013-11-26T13:09:00+01:00truetrue1006116falsefalse4Cronache/cronache4130903914262013-11-26T13:09:25.18+01:0014262013-11-27T09:41:03.417+01:000/cronache/viterbo-anziani-presi-a-calci-e-schiaffi-in-casa-di-riposo261113false2013-11-26T13:23:01.69+01:00309039it-IT102013-11-26T13:09:00"] }
A- A+
Cronache


BANNER

Minacce, calci e schiaffi agli anziani che avrebbero dovuto accudire. Sono finite per questo in manette le due titolari di una comunita' alloggio per anziani della provincia di Viterbo, ritenute responsabili di reiterati maltrattamenti nei confronti di ospiti della struttura. Dalle indagini - coordinate dal sostituto procuratore presso il Tribunale di Viterbo Renzo Petroselli - i carabinieri del Nas di Viterbo e del Comando Provinciale hanno accertato che gli anziani (tra cui alcuni non autosufficienti) subivano ingiurie, minacce, percosse (calci e schiaffi) e costrizioni fisiche. Le titolari della casa di riposo sono ai domiciliari.

Lorenzin, azione incessante a tutela anziani e disabili - "L'operazione condotta a Viterbo dai Carabinieri del Nas conferma la straordinaria importanza della task force che ho istituito per il controllo sul funzionamento delle case di accoglienza per anziani e disabili. Non consentiremo mai, ad alcuno, di ledere il rispetto e la dignita' delle persone, che nelle strutture devono essere accudite garantendo i principi fondamentali del diritto alla salute". Lo dichiara il ministro della Salute Beatrice Lorenzin. "La nostra azione a tutela delle persone piu' fragili - prosegue - sara' incessante grazie all'opera dei Carabinieri del Nas, che hanno gia' ispezionato oltre 1000 case di cura e ai quali esprimo ancora una volta la mia gratitudine".

Tags:
viterboanziani
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.