A- A+
Cronache
Voghera, Adriatici assessore Lega uccide marocchino: il colpo dopo una spinta
massimo adriatici 

Massimo Adriatici avrebbe sparato il colpo di pistola che ha ucciso Youns El Boussetaoui dopo essere stato spinto dall'uomo di origine marocchina. Lo riferiscono fonti investigative. Quanto all'ipotesi formulata da un testimone del lancio di una bottiglia da parte della vittima addosso ad Adriatici, le stesse fonti affermano che "potrebbe essere stata lanciata in aria da Boussetaoui, non direttamente sull'assessore". El Bousseatoui non era armato. Adriatici sostiene di avere esploso il colpo per sbaglio. L'assessore e avvocato restera' ai domiciliari almeno fino all'udienza di convalida dell'arresto, che potrebbe essere fissata tra domani e dopodomani.

Per lui il Pm ha ipotizzato l'accusa di eccesso colposo di legittima difesa: secondo la sua versione dei fatti il colpo di pistola che ha ucciso l'immigrato sarebbe partito involontariamente mentre stava cadendo. Stando a un testimone oculare, Youns Boussetai, la vittima, durante una lite avrebbe lanciato una bottiglia di birra che stava bevendo addosso ad Adriatici, prima che l'assessore telefonasse alle forze dell'ordine per avvertire che l'uomo stava importunando dei clienti del bar 'Ligure'. A riferire de relato questa testimonianza e' Adrian R., un abitante di Voghera di origine albanese arrivato quando Boussetai era morto da pochi minuti.

"Sono andato in piazza a vedere cosa fosse successo perche' mio figlio aveva sentito dei colpi di pistola - e' il suo racconto - dopo qualche minuto e' arrivata l'ambulanza. Ho visto una persona in borghese, che penso fosse Adriatici, io non lo conosco, che parlava coi carabinieri che mi sono sembrati tranquilli. Poi un uomo che era li' mi ha raccontato che la vittima aveva chiesto ad Adriatici: 'Perche' non mi saluti?' E gli aveva lanciato addosso la bottiglia. A quel punto, l'assessore gli ha detto che avrebbe chiamato la polizia. Poi c'e' stata una colluttazione tra loro e l'assessore ha sparato".

A quanto si apprende, inizialmente il magistrato aveva accolto la contestazione del reato di omicidio ipotizzata dai carabinieri poi, compiute alcune attivita' istruttorie tra cui l'ascolto dei testimoni e l'interrogatorio di Adriatici, l'accusa e' diventata meno severa. L'eccesso colposo di legittima difesa si verifica quando, codice penale alla mano, "la giusta proporzione fra offesa e difesa venga meno per colpa, intesa come errore inescusabile in seguito a imprudenza, o imperizia nel calcolare il pericolo e i mezzi di salvezza".

L'assessore si e' autospeso dall'incarico "sino all'esito del giudizio che lo vede indagato", ha spiegato il sindaco di Voghera, Paola Garlaschelli ma nel frattempo la vicenda e' diventata subito un caso politico. "Se fosse vero che il soggetto che purtroppo e' morto era gia' noto e arci-noto alle forze dell'ordine e ai commercianti e ai cittadini di Voghera, evidentemente non si e' trattato di un regolamento di conti. La difesa, in questo caso, se cosi' fosse, e' sempre e comunque legittima", ha commentato segretario leghista Matteo Salvini in un video sui social.

La pensa diversamente il Pd. "Cio' che e' avvenuto ieri sera a Voghera - afferma il senatore Alan Ferrari, vice presidente vicario dei senatori del Pd - e' qualcosa di molto grave e preoccupante. Ora si accerteranno i fatti, ma in un paese civile e democratico un assessore non spara a una persona. Mi auguro che la Lega al piu' presto prenda le distanze dal gesto di Adriatici. La giustizia fai da te non ha cittadinanza nelle nostre leggi e nella nostra convivenza".

Commenti
    Tags:
    legaassessore lega
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





    casa, immobiliare
    motori
    Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

    Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.