A- A+
Cronache
Vuole chiamare il figlio Wikileaks. Neopapà bloccato dall'anagrafe

"Ha cambiato il mondo". Con questa motivazione un giornalista curdo-iracheno di 28 anni ha spiegato il desiderio di chiamare il figlio come il sito di Julian Assange. Ma l'anagrafe tedesca lo ha bloccato: "Non importa, io lo chiamerò comunque così".

"Wikileaks ha cambiato il mondo", ha spiegato il padre, in Germania da otto mesi, "e le sue rivelazioni hanno avuto grandi effetti a livello mondiale, in particolare in Iraq, da dove veniamo". La vicenda è accaduta in Germania, a Passau, dove Hajar Hamalaw, un giornalista curdo-iracheno di 28 anni, si è visto negare da un addetto dell'anagrafe la possibilità di chiamare il figlio WikiLeaks. "Hanno detto che non è un nome. Pensavano fosse il titolo di un programma per la tv'', ha spiegato Hamalaw.

Il padre era convintissimo della scelta: "Non è solo un nome per me'', ha spiegato al quotidiano locale Passauer Neue Presse, ''il fatto è che ha un grande significato". Le legge tedesca protegge il "benessere del bambino", ha precisato un portavoce dell'amministrazione di Passau, Karin Schmeller. E nonostante il divieto della legge per i genitori il figlio, chiamato alla fine ufficialmente Dako, continuerà ad essere WikiLeaks.

 

Tags:
wikileaksfiglio
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3

BMW 320e Touring, la piccola ibrida plug-in della Serie 3


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.