A- A+
Culture
Al Vitra Design Museum “Night Fever”: la storia delle discoteche
Studio 54 - New York, 1979 - photo Bill Bernstein

di Simonetta M. Rodinò

 

Con la diffusione negli anni Sessanta del secolo scorso della musica rock e pop e l’insorgere di un conseguente gusto giovanile, architetti e designer videro nel nightclub uno spazio in cui sperimentare nuove tipologie, dove far dialogare interior design, grafica, arte, suoni, luci e moda.

 

Sul processo evolutivo delle discoteche dagli inizi a oggi si concentra la mostra Night Fever. Designing Club Culture 1960 – Today” al Vitra Design Museum di Weil am Rhein, in Germania.

 

Qualche arredo, ritagli di giornali, modellini d’interni, foto delle storiche sedi, tra cui il Wips di Londra, The Electric Circus di New York, i Piper di Roma e Torino, L’altro mondo di Rimini… accolgono nella prima stanza.

 

Un salto … e sulle note di Stayin’ Alive, uno dei brani scritti dai Bee Gees per “Saturday Night Fever”, la fortunata pellicola del 1977 che lanciò l’attore John Travolta, si apre la seconda sala: un trionfo di musica, foto dei protagonisti di quelle lunghe, pazze serate a base di coca, alcool, divertimento e trasgressione. Siamo nel pieno della disco music che trascina nel proprio vortice

ognuno e ogni cosa. Si rompono le regole. Caso emblematico Lo studio 54 di Manhattan, tra la Settima e l’Ottava Avenue della Grande Mela, che offre notti sfrenate: qui s’incontrano Andy Warhol, Grace Jones, David Bowie, Bianca Jagger, Brooke Shields, Pat Cleveland, Elton John…mentre al Mudd Club, antitesi newyorkese dello Studio 54, si aggirano i giovani Keith Haring e Jean-Michel Basquiat.

 

Alla disco succede la House music: dagli ambienti di alcuni locali di Chicago e New York di fine anni 70 e inizio 80 la scena si sposta in Europa, fino a Berlino dove in seguito alla caduta del muro sono utilizzati spazi abbandonati.

Una raccolta di copertina di dischi, manichini dagli abiti sfavillanti, luci psichedeliche, manifesti accompagnano da una decade all’altra. Si ripercorre lo sviluppo delle consolle per DJ.

 

E oggi? C’è un nuovo mondo giovanile, che utilizza le piattaforme digitali come strumento di socializzazione e i festival di musica elettronica mobilitano grandi masse di affezionati.

 

La rassegna se ha il pregio di essere la prima mostra a raccontare la storia del design sotto le luci e i riflettori delle discoteche e proiettarci in quell’universo affascinante e trasgressivo, è molto documentaristica, priva di installazioni, lasciando molto spazio alla propria immaginazione per ricreare gli ambienti.

 

Vitra Design Museum - Charles-Eames-Straße 2 - Weil am Rhein - Germania

17 marzo - 9 settembre 2018

Orari: ogni giorno dalle 10 alle 18

www.design-museum.de

 

Dal Vitra … a Basilea con la mostra Baselitz

 

Georg Baselitz, al secolo Georg Kern - il cognome d’arte l’ha adottato dalla sua città natale della Sassonia, Deutschbaselitz - è la quintessenza dello spirito inquieto tedesco, e la sua arte non poteva che essere così, dopo aver passato un’infanzia sullo sfondo della seconda guerra mondiale, ed essersi formato nella difficile realtà post-bellica di Berlino.

 

All’artista, in occasione dei suoi ottant’anni, la città di Basilea dedica una grande antologica nelle sedi della Fondazione Beyeler e del Kunstmuseum: dipinti, sculture - collocate anche all’esterno - e una selezione di opere su carta che ne ripercorrono l’intera carriera. 

Dai primi Anni Sessanta, con le sue figure dai tratti nervosi, fino al 2017, con una serie di dipinti di media dimensione mai esposti al pubblico.

 

Alla Fondazione Beyeler, edificio progettato da Renzo Piano, 12 sculture e 90 quadri sono presentati cronologicamente. Protagonista la sua pittura materica dalle forti combinazioni di cromie - i gialli, i rossi, i blu, gli arancioni, i rosa -, una pittura che non nasconde tutta la tragicità di un’esistenza.

 

La rassegna ha inizio con una serie di tele di frammenti di corpo straziati per passare ai lavori successivi dove i modelli delle serie “Eroi” – realizzata vent’anni dopo la II guerra mondiale – sono i senza tetto, cui l’artista dà attributi autobiografici.

 

Kandinsky, Malevic, Pollock e Jean Dubuffet furono gli ispiratori delle sue visioni pittoriche in cui immagini semi-astratte, ma anche animali e paesaggi, sprigionano un senso d’isolamento, di angoscia. Fino alla svolta con i dipinti capovolti che spesso compariranno nei suoi lavori.

 

Mentre intorno a lui l’arte tendeva all’astrattismo, al minimalismo e al concettualismo, Baselitz voleva restare se stesso, considerando la tela con la figura capovolta un’efficace alternativa all’astratto.

 

Al Kunstmuseum gli 88 tra disegni e acquerelli aiutano a entrare gradualmente nell’iter creativo dell’artista. I temi sono quelli poi realizzati per le tele: ritratti, carcasse esistenziali, paesaggi, animali, alberi spezzati.

 

Fondazione Beyeler – Durata: fino al 29 aprile 2018 – www.fondationbeyeler.ch

Kunstmuseum – Durata: fino al 29 aprile 2018 – www.kunstmuseumbasel.ch

 

Basilea, città d’arte. E’ la capitale culturale della Svizzera. Con la sua città vecchia, l’interessante architettura, il Reno, i suoi 40 musei. Ma non solo… Passeggiando per i vicoli del centro storico ci s’imbatte in opere di Serra, Rodin e Niki de Saint-Phalle.

Tags:
vitra design museumnight fevermostra discoteche night fever
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.