A- A+
Culture
L’arte di essere fragili. Come Leopardi può salvarti la vita
Alessandro D'Avenia, foto dal sito ufficiale

Di Chiara Giacobelli

I suoi lettori lo attendevano da tempo, ovvero da quando avevano letto l’ultima pagina de “L’arte di essere fragili”: finalmente il nuovo libro di Alessandro D’Avenia è disponibile in tutta Italia grazie a Mondadori. “Ogni storia è una storia d’amore” celebra questa volta la donna, nella sua capacità di essere tanto viaggio quanto meta, mentre il libro precedente del professore amato dai giovani aveva visto come protagonista un uomo, Giacomo Leopardi.

Che cosa significa fragilità? La felicità si può imparare? E la scuola che ruolo ha – o dovrebbe avere – in tutto questo? Il saggio di D’Avenia prova a rispondere a queste e ad altre domande attraverso una formula alquanto originale: una serie di lettere che l’autore scrive in prima persona niente meno che al grande poeta del Romanticismo italiano, chiamandolo affettuosamente per nome. Un dialogo tra due uomini con le proprie cadute, le conquiste, le passioni, al fine di raccontare ai lettori un’altra versione, meno pessimistica e negativa, di Leopardi.

Alessandro d'avena Cover L'arte di essere fragili
 

“L’arte di essere fragili” è allora prima di tutto un libro sul genio recanatese che ne porta in luce aspetti inediti, lettere poco note, scritti privati e un’interpretazione diversa da quella che comunemente ne viene fatta. In secondo luogo è una testimonianza di un lavoro – quello dell’insegnante – svolto con rapimento, grazie anche all’inserimento di alcune lettere ricevute da D’Avenia nel corso della sua carriera (non mancano tuttavia critiche al sistema attuale della scuola). Infine, è un discorso attorno alla fragilità del mondo, delle persone e della natura stessa, che non dev’essere vista come mancanza né paura o negazione, ma come risorsa, fonte di energia, forza, apprendimento.

Seguendo il ritmo dell’esistenza, il volume si divide in quattro grandi fasi: Adolescenza, Maturità, Riparazione, Morire; ognuna di esse coincide con un’arte che non è mai innata, ma sempre si acquisisce attraverso il gioco del vivere; queste arti sono il saper sperare, morire, essere fragili e rinascere (in tale ordine). Così, le poesie di Leopardi, ma anche brani tratti dalle lettere o dallo Zibaldone e Operette Morali, diventano una maniera diversa dal solito per trattare argomenti quali il dolore, la fedeltà a se stessi, la gioia, l’amicizia e sopra ogni altra cosa l’amore. Bisogna però precisare che quando parla di Amore D’Avenia non si riferisce soltanto a quello che può nascere tra un uomo e una donna in una classica relazione sentimentale, ma a quello più ampio che permea il cosmo e gli elementi che ne fanno parte.

Non è dunque un caso se non troppi mesi fa lo stesso professore abbia confessato in un’intervista di aver scelto la via del celibato e di non volere alcuna fidanzata in quanto innamorato di Dio e del proprio mestiere, visto alla stregua di una vera missione. La fede trapela fortemente dalle pagine de “L’arte di essere fragili” attraverso la più volte citata tensione verso L’infinito. In tal senso Giacomo Leopardi si consacra il maestro assoluto grazie alla celebre poesia scritta in gioventù, quando anelava “interminato spazio di là da quella” in una Recanati che sempre gli fu troppo stretta, dentro un corpo altrettanto incapace di stare al passo con i moti della mente e del cuore.

In conclusione, “L’arte di essere fragili” (anch’esso edito da Mondadori) ci regala uno sguardo alternativo sulle cose del mondo, dell’amore, della ricerca infinita che ci caratterizza in quanto uomini, ma anche della malinconia, della sofferenza, della poesia e ovviamente del più grande poeta che l’Italia abbia visto nascere in quegli anni. Da esso è stato tratto uno spettacolo teatrale che ha visto un lungo tour conclusosi di recente proprio a Recanati, mentre la performance che verrà tratta da “Ogni storia è una storia d’amore” sarà sui palcoscenici nel 2018.

Info: www.profduepuntozero.it

Tags:
alessandro d’aveniaogni storia è una storia d’amore
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.