A- A+
Culture
Banksy sbarca al Mudec di Milano: la street art del controverso writer inglese
Banksy - napalm 2004

di Simonetta M. Rodinò

Negli anni Ottanta del secolo scorso l’arte per tutti è il presupposto teorico di Keith Haring. Che ben presto smette di disegnare in maniera illegale negli spazi pubblicitari della subway di New York. A differenza del pittore e writer statunitense, Bansky ha fatto della clandestinità uno dei presupposti della sua dinamica artistica.

L’artista e writer inglese, che non ha mai reso note le sue generalità allo scopo, sostiene, di non voler allinearsi al sistema e combattere le regole, fece parlare molto di sé per l’ultima trovata realizzata lo scorso ottobre in un’asta di Sotheby’s a Londra: uno dei suoi dipinti si è auto-distrutto subito dopo essere stato venduto.

“A visual protest. The art of Banksy” è la rassegna, pare non autorizzata dallo stesso street artist, ospitata da oggi al MUDEC – Museo delle Culture di Milano: un lavoro narrativo attraverso 80 tra stampe, serigrafie, litografie, pitture a spray, manifesti, copertine di dischi.

Personaggio molto controverso, è un paradosso vivente pieno di contraddizioni: anonimo ma famoso, noto negli ambienti della controcultura, tuttavia, nonostante la sua etica, non impedisce che i propri lavori si vendano a prezzi molto alti.

Sembrerebbe nato a Bristol e negli anni Ottanta, decennio di formazione per Bansky, lo scenario underground della città è sotto l’influenza dei nuovi stimoli provenienti dagli USA, in particolare la scena rap e graffitista.

All’inizio della sua carriera Bansky realizza molte copertine di dischi e di CD. Ma anche contraffece, nel 2006, le copertine di cinquecento copie di un CD di Paris Hilton sostituendo con esse altrettanti originali nei megastore HMW e Virgin del Regno Unito.

Le sue radici affondano nel situazionismo, i cui esponenti negli anni  ’50 e ’60 utilizzarono con sagacia e spregiudicatezza simbolica i fumetti, nelle cui nuvolette inserivano concetti politici, frasi o considerazioni teoriche sulla necessità della contraddizione dialettica di Mark o Mao.

Ha guardato poi al collettivo di studenti che nel maggio del 1968 diffuse attraverso centinaia di manifesti i temi della protesta sui muri di Parigi, per subire infine l’influenza dei lavori di writers e i graffitisti di New York degli anni ’70 e ’80.

L’esposizione, curata da Gianni Mercurio, si snoda per tematiche: la ribellione, la guerra, il consumismo. Ecco alcune riproduzioni di noti dipinti sui quali interviene sovrapponendovi oggetti e immagini stranianti, o l’utilizzo dei topi come figure depositarie di esclusive qualità negative (il nemico fascista) o espressione di isolamento sociale. Poi la cupa ironia di elicotteri infiocchettati in rosa, pronti a eseguire attacchi su centri abitati, soldati armati di tutto punto che dipingono l’ideogramma della pace su un muro, una bambina che abbraccia una bomba al posto della bambola. E ancora…

“A visual protest. The art of Banksy”

MUDEC – Via Tortona 56 – Milano

21 novembre – 14 aprile 2019

Orari: lunedì 14.30 - 19.30 ; martedì - mercoledì - venerdì - domenica 9.30 - 19.30 ; giovedì - sabato 9.30 - 22.30

Ingressi: intero euro 14 – ridotto euro 12

Infoline: 02/54917

Catalogo: 24 ORE Cultura

www.mudec.it

Commenti
    Tags:
    banskybansky mudec milanobansky mostra milano
    in evidenza
    Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

    Stramare, nuova Diletta

    Carolina, la musa del calcio
    Regina della serie B in tv

    i più visti
    in vetrina
    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

    Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.