A- A+
Culture
Bolero di Ravel, libero da copyright. Ma spuntano gli eredi segreti
Presentazione del "Bolero Ravel" a Cuba nell'aprile 2016 nell'ambito del progetto 'Fabrica de Arte Cubano'

E' uno dei pezzi più popolari e unici della storia della musica classica: dal primo maggio 2016 è libero da qualunque copyright, quindi di dominio pubblico. Sono passati quasi novant’anni dalla sua prima esecuzione a Parigi. Ora potrà essere riprodotto in qualsiasi forma, soprattutto all’interno di film, opere teatrali e concerti, senza dover più corrispondere alcunché di economico al suo creatore e/o eredi.

In Francia, per indicare la somma popolarità dell’opera di Ravel, si dice che “nel mondo un’esecuzione di Bolero inizia ogni 10 minuti”.

Ma ci sarebbe un giallo, secondo quanto svelato in esclusiva dal quotidiano Le Figaro. Ci sarebbero degli eredi che stanno tentando una negoziazione in gran segreto con la Società francese di autori, compositori ed editori di musica (SACEM) per vedere riconosciuta la loro quota di diritti. Secondo i documenti di cui è venuto in possesso il quuotidiano francese, essi vogliono far riconoscere l'opera di Ravel come un lavoro collettivo e quindi aggiungere un co-autore all'opera. I misteriosi eredi di Ravel, nascosti dietro società di copertura, hanno buone ragioni per sostenere la richiesta. Se la Sacem cedesse e riconoscesse questi coautori, l'opera dienterebbe di dominio pubblico tra vent'anni. E questo sarebbe un jackpot da 20 milioni di euro.

Venerdì 29 aprile al mattino, la SACEM ha respinto la loro richiesta e ha confermato con un comunicato di oggi, 3 maggio, che l'opera di Ravel è libera da copyright. Ma la guerra potrebbe continuare in tribunale.

"Non abbiamo alcun elemento diretto che provi la collaborazione tra Ravel e Benois e nemmeno la prova scritta di un contratto tra i due", ha dichiarato all'AFP Laurent Petitgirard, compositore e presidente della Sacem. Ha anche definito che i diritti citati dai documenti erano "stravaganti".

Tags:
bolero di ravel copyrightbolero di ravel diritti
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.