A- A+
Culture
Cedi la strada agli alberi, le poesie d'amore e di terra di Franco Arminio

Franco Arminio presenta la sua prima antologia poetica CEDI LA STRADA AGLI ALBERI il 3 luglio alle 18.00 a Roma in occasione del LETTERATURE. Festival Internazionale di Roma: programma 2017

IL PROGRAMMA DELL'EVENTO

Lunedì 3 luglio – in giardino ore 18.00
L’entroterra degli occhi
Letture di Franco Arminio da Cedi la strada agli alberi, Chiarelettere
Introduce Maria Ida Gaeta
Casa delle Letterature, piazza dell’Orologio 3“

In "Cedi la strada agli alberi" Arminio ha raccolto qui una parte della sua sterminata produzione in versi. Il libro ci presenta il suo acuto senso del corpo femminile e del paesaggio. Dopo una sezione dedicata agli affetti familiari, le conclusioni sono affidate a una serie di folgoranti riflessioni sulla poesia al tempo della Rete. I versi di Arminio sono semplici, diretti, senza aloni e commerci col mistero. Ogni verso è una serena obiezione alla scrittura come gioco linguistico, è una forma di attenzione a quello che c’è fuori, a partire dal corpo dell’autore, osservato come se fosse un corpo estraneo. L’azione cruciale è quella del guardare: “Io sono la parte invisibile del mio sguardo”.


Cedi la strada agli alberi è un’opera raffinata e popolare, in cui ecologia e desiderio, passioni intime e passioni civili si intrecciano con la precisione dei suoi libri in prosa. Franco Arminio è nato e vive a Bisaccia, in Irpinia d’Oriente. Ha pubblicato una ventina di libri. Ricordiamo, tra gli altri, Vento forte tra Lacedonia e Candela (Laterza), Terracarne (Mondadori), Cartoline dai morti (Nottetempo) e Geografia commossa dell’Italia interna (Bruno Mondadori). Si occupa anche di documentari e fotografia. Come paesologo scrive da anni sui giornali e in Rete a difesa dei piccoli paesi. Attualmente è il referente tecnico del Progetto pilota della montagna materana nell’ambito della Strategia nazionale delle aree interne. Ha ideato e porta avanti La casa della paesologia a Trevico e il festival “La luna e i calanchi” ad Aliano. Il suo indirizzo email è: arminio17@gmail.com 

“Abbiamo bisogno di contadini,

di poeti, gente che sa fare il pane,

che ama gli alberi e riconosce il vento.

Più che l’anno della crescita,

ci vorrebbe l’anno dell’attenzione.

Attenzione a chi cade, al sole che nasce e che muore,

ai ragazzi che crescono, attenzione anche a un semplice lampione,

a un muro scrostato.

Oggi essere rivoluzionari significa togliere

più che aggiungere, rallentare più che accelerare,

significa dare valore al silenzio, alla luce,

alla fragilità, alla dolcezza.” 

 

IL NUOVO LIBRO DI FRANCO ARMINIO,

LE PIÙ BELLE POESIE DEL POETA ITALIANO PIÙ SEGUITO SULLA RETE

 

 

ANTEPRIMA/ Tre poesie tratte dalla prima parte del libro, "L’entroterra degli occhi" (per gentile concessione di Chiarelettere)

 

Pensa che si muore

e che prima di morire tutti hanno diritto

a un attimo di bene.

Ascolta con clemenza.

Guarda con ammirazione le volpi,

le poiane, il vento, il grano.

Impara a chinarti su un mendicante,

coltiva il tuo rigore e lotta

fino a rimanere senza fiato.

Non limitarti a galleggiare,

scendi verso il fondo

anche a rischio di annegare.

Sorridi di questa umanità

che si aggroviglia su se stessa.

Cedi la strada agli alberi.

 

Prendi un angolo del tuo paese

e fallo sacro,

vai a fargli visita prima di partire

e quando torni.

Stai molto di più all’aria aperta.

Ascolta un anziano, lascia che parli della sua vita.

Leggi poesie ad alta voce.

Esprimi ammirazione per qualcuno.

Esci all’alba ogni tanto.

Passa un po’ di tempo vicino a un animale,

prova a sentire il mondo

con gli occhi di una mosca,

con le zampe di un cane.

 

Guarda.

Sei in un posto qualsiasi

e ti raggiunge un albero,

un muro, un viso.

Il centro del mondo è poco lontano da te,

è nelle vie secondarie, ti aspetta

dove non ti aspetti niente.

Prendi una forchetta in mano

come se fosse un momento solenne,

porta il bicchiere alla bocca

come se fosse un gesto sacro,

sorridi perché ogni sorriso apre

una crepa nel muro della vecchiaia.

Fai cose coraggiose,

ti fa ringiovanire.

E poi torna, pensa che sei contento,

fallo sapere ai tuoi errori

che li vedi, li riconosci

e li guardi con clemenza.

Guarda dentro e guarda fuori,

guardare è una culla.

Cedi la strada agli alberi piatto
 

 

 

Tags:
cedi la strada agli alberifranco arminio
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.