A- A+
Culture
Cinema2Day, tornano i film a 2 euro. E si preparano al bis (forse)

Cinema2Day applicato il secondo mercoledì del mese. Sei mesi dopo l’avvio dell'iniziativa , voluta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali che promuove il biglietto a due euro, le associazioni di categoria e gli esercenti tirano le somme.

Come funziona - Grazie alla promozione, realizzata dal ministero dei Beni e delle Attività culturali in collaborazione con Associazione nazionale esercenti multiplex (Anem), Anica e l'Associazione Nazionale Esercenti Cinema (Anec), si può acquistare al costo di due euro il biglietto per tutti i film in programmazione, in ognuno degli orari previsti, con esclusione di iniziative speciali e visioni in 3D, che godono comunque di una tariffa agevolata, comunicata direttamente alla cassa.

Verso il bis? - I dati delle singole giornate sono molto positivi, come scrive oggi Repubblica: dopo un avvio con 598.460 biglietti nel mercoledì di settembre, i successivi quattro mercoledì hanno staccato 1.013.465 (12 ottobre), 1.027.723 (10 novembre), 826.953 (15 dicembre) con un record di 1.130.901 (11 gennaio). Il ministro Dario Franceschini punta a proseguire l'esperienza, citando lettere e petizioni di spettatori che stanno raccogliendo firme per un bis del progetto.

Gli esercenti frenano - Ma gli esercenti non sembrano entusiasti: per qualcuno l'iniziativa non è servita ad allargere il pubblico, per qualcun altro non c'è stato un aumento proporzionale di traffico, per altri ancora meglio organizzare serata che al film abbinano un aperitivo, un concerto o una mostra. Appuntamento a domani per fare un bilancio più preciso.

Tags:
cinema2day mercoledìcinema2day scontocinema2day film 2 euro
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.