A- A+
Culture
De Masi: "L'attacco ai migranti a Roma? Toccati livelli di inaudita inciviltà"

Quel che mai sarebbe dovuto succedere, è, purtroppo, andato in scena a Roma, caput mundi: donne e bambini strattonati, portati via e allontanati con l'impiego di idranti da uno stabile del centro che occupavano da tempo, insieme a tanti altri. Tutti migranti regolari scappati dalla miseria, dall'indigenza e dalle violenze.

"Si sono raggiunti livelli disumani di inciviltà inauditi, cui mai si sarebbe dovuti arrivare, neanche in ipotesi. E' una vergogna quanto si è visto nella ricca città Eterna con centinaia di palazzi vuoti e di case non assegnate: provo un amaro sentimento di vergogna, peggio di così non era proprio immaginabile".

Il sociologo Domenico De Masi vive e opera a Roma da molti anni e non si capacita di quanto successo: un terribile colpo 'a freddo', o meglio 'bollente' nell'afoso agosto, per la Capitale che, chiosa, "è stata, e dovrebbe continuare a essere, maestra di umanità".

Non sarebbe dovuto mai accadere. "Vedere quella gente inerme costretta, obbligata, a lasciare i loro miseri spazi vitali, soprattutto donne e bambini, rattrista e suscita un acre sentimento di ripulsa. Dove dovrebbero andare? Come e dove dovrebbero vivere? E' inaudito quanto successo. E' come se ogni mattina uscendo di casa si prendesse a secchiate d'acqua il barbone sottocasa", aggiunge De Masi, il cui pensiero va a quel gesto "umano" dell'agente che accarezza il viso smagrito di una donna disperata.

E da sociologo cerca di dare la sua interpretazione di quanto accaduto. "E' stata in pieno agosto una chiamata di correo delle diverse Istituzioni che dal sindaco che non provvede a una sistemazione alternativa e dignitosa, alla politica centrale che tutta protesa verso le elezioni ha voluto dare una prova di forza per apparire drastica. E ciò suscita solo che vergogna: mi chiedo cosa dovrebbero fare tutte queste persone, tutte in regola, donne e bambini compresi? Meritarsi idranti e spintoni: è inaudito".

Perchè tutto ciò, dunque? "Ci sono due atteggiamenti possibili: o quello dell'accoglienza scelto da Lampedusa o, al contrario, quello del respingimento scelto dalla Valle d'Aosta. E' evidente la sostanziale differenza tra Lampedusa e la Valle d'Aosta! La prima non è ricca eppure ha avuto, ha, un atteggiamento di attenzione verso chi ha bisogno, l'altra, viceversa, è ricca e benestante, eppure ha agito con i respingimenti verso i migranti. Roma che finora aveva avuto un atteggiamento di accoglienza, ha, con quel che si è visto a piazza Indipendenza, scalfito la sua immagine di maestra di umanità".

Insomma, il leit-motiv di questa rovente estate che pare non voler finire, è fortemente contrassegnato da due aggettivi contrapposti: umano/inumano che, soprattutto a sinistra, fanno molto discutere: e De Masi ha deciso - ci tiene a sottolinearlo - da che parte stare: dalla parte di tutto quel è umano come sosteneva un certo Carlo Marx: nihil humani a me alienum puto.

Tags:
roma migranti scontri
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.