A- A+
Culture

di Patrizia Gioia
(l'intervento con Antonietta Potente e Gianni Vacchelli su mistica, economia e politica)

 

"Il grido è la strategia del non morire", e la mistica non è una fuga dal mondo ma è quella dimensione umana dove la passione e l’indignazione trovano casa, trovano impegno coraggio e rischio, la mistica è il luogo dove i nostri limiti sono aiutati dallo spirito ad una disobbedienza creativa per un nuovo sapere che attinge dal suo fuoco il respiro che partecipa in prima persona all’avventura radicale della vita, una sempre nuova creazione. E nella creazione non c’è separazione né abdicazione né gerarchia, la nostra parte spirituale, senza nessuna pappa misticheggiante, o è parte costitutiva del politico e dell’economico o non è", si è reso visibile e udibile nelle parole di Antonietta Potente e Gianni Vacchelli. La serata di ieri non era - volutamente- una conferenza, ma un corso di formazione e anche di educazione, credo che questa sia la sola via percorribile in questa "nuova creazione " da operare insieme, tanti sono gli spunti affinchè ognuno di noi possa fare silenzio dentro di sè e trovare quegli spazi di disobbedienza creativa dove ridare vita e parola non vana alla "sapienza", attingendo a quelle fonti sapienzali che le cose intorno a noi illuminano se sapremo ascoltarne l'eterna voce. Come ha detto Antonietta non possiamo certo aspettarci "cura" da chi ci ha resi ammalati, ma possiamo però chiederci: quali sono le mie giunture anchilosate?, come posso riarmonizzare il mio respiro con il respiro del mondo? Abbiamo necessità di ritrovarci "natura", di reimparare l'arte "della crescita" dal bocciolo del fiore, senza fretta e al momento opportuno, di continuare a fare Anima, che non è sterile spiritualismo, ma ascoltare il divino, coltivare l’umano, recuperare la dimensione cosmica, per tenere insieme la nostra dimensione spirituale a quella economica e politica, ridando dignità a noi e al mondo.

La bellezza non è un optional, e la bellezza non è depositata nei luoghi di ricchezza, la bellezza e la giustizia sono indissolubilmente legate e sono la casa della casa economica, quella stanza che ogni volta si muove e vive e pulsa dallo spostare le lenzuola che ne determinano la sua vita perchè "dà spazio e cura " ogni volta al nonno malato, alla mamma gravida, al bambino dormiente, secondo Amore e Necessità. In ogni cultura umana, è questo continuo non avere regole nè statistiche che rende la vita viva, ogni giorno ho da farmi nuovo per farlo nuovo e il primo passo è la discesa nell'inferno, come Gianni Vacchelli ci suggerisce, a lui suggerito da quel Dante Aligjieri che abbiamo lasciato in un angolo della casa, dimenticandoci della profondità del suo canto, perchè ci siamo perduti nell'acquisto di lenzuala griffate. Se non c'è discesa non c'è nemmeno risalita, se non ci facciamo carico delle nostre frantumazioni, delle nostre disarmonie, del nostro canto stonato non possiamo vedere la corruzione che ci circonda e che ci mangia, come la ruggine mangia il ferro. Mistica come pensiero ragionevole, come lucida visione delle cose, se non siamo capaci d'essere colombe e serpenti al momento necessario, saremo travolti dalla stupidità, è lei la dea del "debito", un'arma criminale che mente sapendo di mentire, perchè attinge ad un umano corrotto e ai suoi strumenti morifieri e mortificanti. Il debito è creato da un sistema impazzito perchè noi l'abbiamo lasciato impazzire, perchè abbiamo abdicato alla spiritualità che sorregge corpo e anima, è che il vento dello Spirito guida e lo Spirito non è un mouse per avventure virtuali, no, è origine originaria della pienezza della vita, il solo respiro che ci fa incamminati verso l'umano e l'infinito. Il prossimo incontro con Antonietta e Gianni sarà martedi 14 maggio, alle 21 e sempre alla Sala Verde. Vi aspettiamo per continuare insieme la via che solo uomini e donne risvegliati possono nuovamente illuminare, siamo tutti profeti del quotidiano, torniamo insieme non a sacrificarlo, ma ad onorarlo. Vi saluto con delle parole africane che mi hanno profondamente alimentato, (tempo ed eternità sono inscindibili) queste parole, parlando degli antenati fonte di insegnamento, dicono: perchè in questo momento io sono l'unica ragione per cui essi sono esistiti. Benedetto tutto.

Tags:
misticacrisi
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.