A- A+
Culture

Il regista coreano Kim Ki-duk torna a Venezia un anno dopo la vittoria del Leone d'Oro con 'Pieta'' e lo fa fuori concorso con un film censurato nel suo Paese, 'Moebius', che ha scandalizzato Venezia. "Spesso mi viene rimproverato di fare film violenti, ma credo che con i miei lavori esprimo la salute della societa' - afferma Kim Ki-duk - rifletto semplicemente quello che viene dalla societa'. Non posso fare altrimenti". In 'Moebius' racconta la storia della distruzione di una famiglia. Una donna (Seo Young-ju) consumata dall'odio nei confronti del marito per la sua infedelta' decide di vendicarsi, ma provoca un male peggiore al figlio. Il padre e' lacerato dai sensi di colpa e per autopunirsi si evira eliminando quella parte del suo corpi che e' stata la causa principale dei disordini famigliari. Ma Kim Ki-duk porta la tragedia all'estrema conseguenza. In Corea, proprio per la violenza di certe immagini e situazioni il film e' stato censurato. "Ho dovuto tagliare tre minuti - rivela il regista -. L'ho fatto per obbedire alle leggi che si prefiggono di proteggere i giovani e chi non ha raggiunto la maturita'. E' un problema che il mio paese dovrebbe risolvere. Amare la propria patria non significa chiudere gli occhi e smettere di farsi domande - prosegue Kim Ki-duk - in molte parti d'Europa il mio cinema e' amato e non credo che accada perche' sia coreano, ma perche' parla dell'umanita'".

kim ki duc 500


 

Tags:
moebiusveneziakim-ki-duc
in evidenza
Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social

Le foto da urlo della fidanzata di Greg Paltrinieri

Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


motori
ŠKODA ENYAQ Coupé iV, ordinabile in Italia

ŠKODA ENYAQ Coupé iV, ordinabile in Italia

Error processing SSI file