A- A+
Culture
Fotografia/ Gli scatti di Muybridge, tra arte e scienza
A woman walking up stairs bearing a boal, 1887

di Simonetta M. Rodinò

Perenne ricercatore, Edward James Muggeridge, meglio noto come Edward Muybridge, fu il precursore della biomeccanica e della meccanica del movimento degli atleti.

Dove apprese l’arte della fotografia resta ancora un mistero, ma i suoi scatti sui movimenti del corpo umano, suscitarono grande interesse nel mondo scientifico. Furono raccolti in volumi col contributo finanziario dell’università della Pennsylvania e di numerosi industriali americani e molto diffusi in ambito medico.

Non a caso un gran numero di sue stampe originali sono conservate presso la Wellcome Library di Londra, una della più importanti istituzioni al mondo per la ricerca sulla storia della medicina e presso l’Università di Philadelphia.

Al geniale fotografo britannico, emigrato negli USA e mancato in Inghilterra 74enne nel 1904, è dedicata la mostra “Muybridge Recall”, al Galleria Gruppo Credito Valtellinese di Milano.

A lui riuscirono creazioni dallo strano nome come lo zoogyroscope, lo zoetrope o zoopraxiscope; quest’ultimo consentiva la proiezione delle immagini permettendone la visione a più persone contemporaneamente.  Invenzione che di fatto costituì un sistema pionieristico e precursore rispetto al cinematografo dei fratelli Lumière.

La maggior parte dei suoi modelli erano atleti dell’università, disabili del vicino centro Almshouse e animali dello Zoo di Philadelphia.

L’anno della grande scoperta fu il 1978. Per rispondere alla domanda se il cavallo nell’atto del galoppo solleva contemporaneamente tutti e quattro gli zoccoli da terra, fotografò con successo il cavallo da corsa Occident, confermando che gli zoccoli si sollevano sì contemporaneamente, ma non nel momento di massima estensione come si credeva fino ad allora e come i pittori avevano di fatto rappresentato sino a quel momento - famose le tele di cavalli di George Stubbs -.

La sua opera  offrì  dunque motivo di riflessione a molti artisti. Da allora, Bacon, Degas, Duchamp, Eakins, Rodin … si affidarono sempre più al mezzo fotografico per rappresentare azioni e movimenti che l’occhio umano spesso confonde.

Non a caso il poeta Paul Valéry riconobbe come “le fotografie di Muybridge rivelano chiaramente gli errori in cui sono incorsi tutti gli scultori e i pittori quando hanno voluto rappresentare le diverse andature del cavallo”.

La mostra, curata da Leo Guerra e Cristina Quadrio Curzio, non si limita a presentare, sulla parete di 60 metri della galleria, un focus sulla storica produzione di Muybridge: oltre 50 scatti cronofotografici su lastra, tratti da fedeli riproduzioni degli originali custoditi alla Wellcome Library di Londra, che li ha concessi a scopo didattico.

E’ anche ricomposto, sulla parete di fronte, in chiave contemporanea, il set che il fotografo usava per gli scatti in piano sequenza.

Il percorso si chiude con due docu-films originali realizzati da Paolo Gioli: “L’assassino nudo” (1984) e un “Piccolo film decomposto” (1986).

 

“Muybridge Recall”

Galleria Gruppo Credito Valtellinese

Corso Magenta 59 – Milano

19 maggio – 1 ottobre 2016

Orari: da martedì a sabato 13.30-19.15; chiuso domenica e lunedì, 2 giugno e dal 2 agosto al 5 settembre

Ingresso libero

Infoline: 0248.008.015

www.creval.it

Tags:
fotografia mostra muybridge milanofotografo muybridge mostra milanoedward muybridge mostra milano
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.