A- A+
Culture
guerre vaticane


Cosa hanno a che fare corvi, talpe e veleni con l'annuncio di Cristo, cioè con l'unica cosa che dovrebbe contare per la Chiesa? Niente, in apparenza. Ma il denaro, il potere, gli scandali, i pettegolezzi e anche le guerre sono parte della storia dell'umanità, nella quale la Chiesa è immersa. Essa tiene insieme le due dimensioni di popolo di Dio e di gerarchia. Base e vertice formano un'unica comunità, cosicché la piramide diviene un cerchio.
Ma non è un cerchio giottesco, è pieno di imperfezioni e difetti. Per il credente, del resto, sono proprio la debolezza e il peccato a mostrare l'aspetto soprannaturale e ad aprire al divino.

La Chiesa cammina con i fallimenti, che rimandano al bisogno di convertirsi continuamente al Vangelo. E dovrà trarre lezione anche dalle ultime vicende, accelerando quel rinnovamento indispensabile per parlare all'uomo moderno e sottrarlo così all'oblio del trascendente. Che è poi l'obiettivo dell'Anno della Fede voluto da Benedetto XVI.

L'Autore
Enzo Romeo è vaticanista e caporedattore esteri del Tg2.
Tra i suoi libri Come funziona il Vaticano (Ancora, 2008). Con Rubbettino ed ERI ha pubblicato I solitari di Dio (2005), libro-dvd sulla clausura dei monaci certosini.

Guerre vaticane
di Enzo Romeo
Edizione Rubbettino
266 pagg, 13,00 euro

 

- La Premessa -

Quando attraverso antonio cavallaro, attento osser vatore dei mutamenti cultural-religiosi del nostro tempo, la Casa editrice Rubbettino mi ha chiesto di scrivere questo libro, la mia prima reazione è stata di scetticismo. Avevo il timore di alimentare il già abbondante coro di pettegolezzi su ciò che avviene nei cosiddetti sacri palazzi. Dove ormai ogni soffio trova un'incredibile cassa di risonanza nel web, rimbalzando da sito a sito, di blog in blog.

Con la grande competizione crossmediale e il citizen journalism basta poco per diventare oggetto di una discriminazione o di un errore, che rimane per sempre nelle memorie dei computer, simile a uno schizzo indelebile. «Là dove i messaggi e l'informazione sono abbondanti - ha scritto giustamente Benedetto XVI -, il silenzio diventa essenziale per discernere ciò che è importante da ciò che è inutile o accessorio»'.

Eppure, sotto la patina di curiosità morbosa, si nasconde anche un desiderio autentico di verità. Proprio in quegli stessi giorni un vecchio amico di parrocchia, evidentemente frastornato dalle notizie in fuga dal Vaticano, mi chiese: «Enzo, cosa sta succedendo nella Chiesa?». Lo domandava a me perché sono un giornalista e per di più un «vaticanista». Già, cosa sta accadendo? Io avrei dovuto averne cognizione. E, invece, mi resi conto di non saper rispondere a quella domanda, che in tanti - credenti e non - oggi si pongono. Quanto meno, era mio dovere indagare per tentare di capire. È ciò che ho fatto in queste pagine, seguendo la cronaca minuta dei giornali, senza però dimenticare che la storia della Chiesa ha un percorso millenario e quanto sta avvenendo nel periodo attuale è solo il fotogramma di un lungo film ancora in corso.

Ne conosciamo la trama, che ci è stata spiegata nelle sacre scritture, ma non sappiamo l'immagine che ci riserverà la prossima inquadratura di questo colossale movie, le cui riprese sono iniziate tanto tempo fa, a Gerusalemme, con il set di un banchetto pasquale. La sceneggiatura è ricca di colpi scena, di azioni drammatiche, di amori traditi, di suspense. Il regista, un Nazareno con barba e capelli lunghi, ha costruito una storia d'amore e ha assicurato il lieto fine.

Nel frattempo, nella sala buia, con gli occhi sgranati, qualche brivido ci percorre la schiena mentre si susseguono scene di spionaggio e di guerra.
 

Tags:
guerre vaticane
in evidenza
Heidi Klum reggiseno via in barca Diletta Leotta da sogno in vacanza

Wanda Nara.... che foto

Heidi Klum reggiseno via in barca
Diletta Leotta da sogno in vacanza

i più visti
in vetrina
Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia

Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia


casa, immobiliare
motori
Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia

Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.