A- A+
Culture
Il Codice della Bellezza: un volume sulle città sedi storiche Intesa Sanpaolo
Un momento della presentazione del volume Il Codice della Bellezza, un viaggio nelle sei sedi storiche di Intesa Sanpaolo in occasione del suo decennale.

Intesa Sanpaolo presenta Il Codice della Bellezza, un volume dedicato alle città sue sedi storiche

 


È stato presentato a Milano il volume Il Codice della Bellezza, dedicato alle sei città sedi storiche Intesa Sanpaolo: Torino, Milano, Padova, Firenze, Bologna e Napoli, realizzato in occasione del decennale di Intesa Sanpaolo. Il bel volume racconta il carattere e le bellezze artistiche e architettoniche delle città con i testi di Attilio Brilli e le fotografie di Francesco Piras. Il volume è stato presentato alle Gallerie d'Italia di piazza della Scala a Milano alla presenza del Presidente di Intesa Sanpaolo Gian Maria Gros-Pietro. Tra il pubblico c'era anche il Presidente Emerito di Intesa Sanpaolo Giovanni Bazoli, anima dell'attività culturale ed artistica del Gruppo. Le sei città testimoniano la storica vocazione territoriale del Gruppo, la cui rete commerciale non a caso si chiama Banca dei Territori.

 

 

Il Codice della Bellezza: un volume sulle città sedi storiche Intesa Sanpaolo. Le parole del Presidente di Intesa Sanpaolo Gian Maria Gros-Pietro

 

 

«Il libro celebra i dieci anni di Intesa Sanpaolo. Ringrazio Giovanni Bazoli, Presidente Emerito di Intesa Sanpaolo, per la presenza e perché è architetto di Progetto Cultura e delle stesse Gallerie d'Italia dove ci troviamo. Dobbiamo ricordarci da dove parte il nostro Gruppo bancario: il Banco di Napoli nasce nel 1539, la Compagnia di San Paolo nel 1563. Siamo a cavallo tra il grande Rinascimento e il Barocco, tra Michelangelo e Bernini. Secoli di grande eccellenza italiana, la stessa eccellenza espressa dalle 250 banche confluite nel Gruppo. L'eredità artistica del Gruppo è senza pari: 20mila opere di cui 10mila di grande livello. La settimana scorsa un nostro Caravaggio è stato esposto al Metroplitan Museum of Modern Art di New York, che ci riconosce come suo pari grazie al nostro impegno in campo artistico, il cui primo fautore è Bazoli: negli ultimi tre anni abbiamo investito in cultura circa 88 milioni di euro. Non dimentichiamo l'eredità artistica, ma il nostro primo impegno è fare la banca, fare della nostra Banca il motore della ripresa dell'economia italiana. Anche nel 2017 stiamo registrando una crescita consistente delle erogazioni a medio lungo termine, i nostri clienti ci chiedono denaro per fare investimenti e noi siamo in grado di erogarlo. Tra la fine dell'anno e l'inizio del prossimo presenteremo un nuovo piano d'impresa. Siamo fiduciosi nel Paese e nella capacità della nostra Banca che mettiamo al servizio del Paese» ha affermato il Presidente di Intesa Sanpaolo Gian Maria Gros-Pietro.

 

Tags:
il codice della bellezzaintesa sanpaoloil codice della bellezza intesa sanpaolo
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”

Citroen protagonista alle “giornate europee del patrimonio”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.