A- A+
Culture
La Fondazione Biscozzi-Rimbaud a Lecce
Facciata Fondazione Biscozzi Rimbaud

La decisione è di inizio 2018. Le pratiche per attivare la Fondazione e ristrutturarne la sede hanno richiesto oltre due anni. Il covid ha fatto il resto. Così la collezione dei noti fiscalisti Luigi Biscozzi, scomparso nello stesso 2018, e Dominique Rimbaud, sua moglie, ha impiegato fin troppo tempo per essere disponibile ai pugliesi (si tratta di un unicum nella regione) e a quanti vorranno ammirare uno spaccato di arte contemporanea italiana e non solo di altissimo livello.

Sono circa 200 le opere che la coppia ha collezionato nel tempo, cominciando nel 1969 con due litografie e passando alle più pregiate, tele e sculture soprattutto, negli anni 80. Tra queste circa 70, seguendo una rotazione delle minori, rimarranno in visione in maniera permanente nella nuova struttura espositiva situata in un palazzo già facente parte di un complesso monastico medievale, nei pressi di Porta Napoli, nella piazza su cui si affaccia la settecentesca chiesa delle Alcantarine.

andré lanskoj impasse sans images, 1959
André Lanskoj, Impasse sans images, 1959

«Il percorso – afferma il direttore e conservatore della Fondazione Paolo Bolpagni – prevede un itinerario cronologico e per tipologie stilistico-formali: dalle origini del contemporaneo alla sezione sull’informale in Italia e in Europa, per passare poi al filone astratto-geometrico e cinetico-programmato, alla pittura analitica e, infine, alle ricerche che oltrepassano gli statuti tradizionali del quadro e della scultura.»

tancredi parmeggiani a proposito di natura, 1958Tancredi Parmeggiani, A proposito di natura, 1958
 

Citiamo, tra le più importanti, un delizioso, piccolo Notturno di Osvaldo Licini, «è stato l’ultimo regalo di mio marito» ricorda Dominique, lo storico T 1947-47 di Hans Hartung, le Dalie di Filippo de Pisis, i Gemelli di Piero Dorazio e A proposito di natura di Tancredi (Parmeggiani). Sono solo la punta dell’iceberg di un catalogo ben organizzato di arte italiana e internazionale degli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, con Arturo Martini, Enrico Prampolini, Josef Albers, Alberto Magnelli, Luigi Veronesi, Fausto Melotti, Alberto Burri, Azuma, Dadamaino, Agostino Bonalumi, Mario Schifano e molti altri ancora. L’allestimento è sobrio, in un’elegante progetto architettonico in cui prevale la tipica pietra leccese.

salvatore sava sentieri interrotti, 1998Salvatore Sava, Sentieri interrotti, 1998
 

Tra gli artisti prediletti della coppia anche il calabrese Angelo Savelli, cui è dedicata la prima delle mostre temporanee che arricchiranno con regolarità la visita alla collezione. Angelo Savelli (1911-1995). L’artista del bianco, aperta fino al 7 novembre prossimo, presenta un innovatore, capace di attraversare il figurativo, l’informale e l’astrattismo, fino alle sue paradigmatiche “opere bianche”, risultato di sperimentazioni condotte dalla seconda metà degli anni 50 e poi progressivamente evolute. Un percorso cronologico, che, in 23 importanti esiti, porta il visitatore dai colori decisi e la densa materia pittorica iniziali fino al bianco, esclusivo protagonista di una ricerca dell’infinito inevitabilmente senza punto di arrivo.

Collezione Biscozzi Rimbaud   Matino, Schifano, Zorio, Verdirame, EspositoCollezione Biscozzi Rimbaud Matino, Schifano, Zorio, Verdirame, Esposito
 

Commenti
    Tags:
    leccebiscozzi-rimbaud
    in evidenza
    Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

    Le foto valgono più delle parole...

    Nicole Minetti su Instagram
    Profilo vietato agli under 18

    i più visti
    in vetrina
    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


    casa, immobiliare
    motori
    Citroen: sarà in concessionaria a inizio 2022 la nuova CX 5

    Citroen: sarà in concessionaria a inizio 2022 la nuova CX 5


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.