A- A+
Culture
La Gazza racconta il suo nuovo libro. "Smettere di innamorarsi? Impossibile"

La Gazza e i segreti dell'amore nel nuovo libro "Sette baci prima di dormire"

Di Maria Carla Rota

Leggere i libri di Sara Gazzini fa capire bene quanto la "book therapy" possa funzionare. Perché le protagoniste femminili delle sue storie arrivano, con vivacita e delicatezza, dritte al cuore delle donne. Donne innamorate (e deluse). Donne che soffrono. Donne che provano a rialzarsi. Immedesimarsi in loro viene naturale. Le loro parole si rivelano un rimedio potente per superare le difficoltà sentimentali che in tante attraversano.

La love coach di "C'è chi dice di volerti bene" (LEGGI), seguita da oltre 120mila fan su Facebook, torna in libreria con "Sette baci prima di dormire" (Ed. HarperCollins). Dopo l'esordio felicissimo con il suo primo libro l'anno scorso, l'autrice ci regala ora una nuova storia per scoprire, forse, la verità sui disastri dell'amore, ma anche la preziosità del rapporto tra amiche. C'è una nuova innamorata anonima, Florina detta Flo, che ricomincia a vivere dopo la fine del suo matrimonio, seguendo i consigli della love coach E., già protagonista del primo libro scritto da "La Gazza". Smettere di innamorarsi è possibile? No, ma la felicità costa coraggio: riconoscere i propri desideri e stringerli forte può davvero farci spiccare il volo.

L'INTERVISTA

LA TRAMA

È martedì sera e il tramonto sta illuminando di rosso l’acciottolato del Lungarno fiorentino. Florinda, detta Flò, cammina lungo le spallette, ma tutta la bellezza della città e le scintillanti luci del fiume non riescono a rischiarare i suoi occhi tristi. Flò ha divorziato ormai da un anno mezzo, ma sembra che non sia passato nemmeno un giorno. È sempre disperata e non riesce a uscirne. A niente servono gli aperitivi con le sue amiche del cuore tutti i venerdì al bar Spritztime in Oltrarno, a niente servono gli sguardi di Giovanni, l’affascinante barista che le prepara molti, troppi, Negroni e nemmeno l’affetto del suo meticcio Osso che cerca di spingerla a fare lunghe passeggiate sulla battigia di Forte dei Marmi. Flò è distrutta e tale vuole restare. Ma un giorno nella raffinata boutique del centro di Firenze dove lavora, entra una donna: negli occhi ha la stessa disperazione di Flò, ma nei suoi gesti la determinazione di chi vuole uscirne. Tra le sue mani un bigliettino con un numero. È quello della love coach che ha istituito il gruppo di terapia delle Innamorate anonime, per salvarle dalle loro dipendenze amorose. Adesso c’è una nuova sfida per la dottoressa: aiutare Flò a capire che l’amore nel nostro cuore può sempre ritornare, basta sapere dove cercarlo. Dopo il grande successo di C’è chi dice di volerti bene, che ha conquistato i librai e i lettori, Sara Gazzini ci regala un nuovo romanzo per scoprire, forse, la verità sull’amore e i suoi disastri. Perché la felicità costa coraggio e riconoscere i propri desideri e stringerli forte, può davvero farci spiccare il volo.

foto Sara Gazzini SETTE BACI interna
 

La protagonista di "Sette baci prima di dormire", Flo, viene tradita e lasciata, apparentemente all'improvviso. In che modo invece scopre di aver contribuito lei stessa? Quale "errore" ha fatto?

"Succede spesso che quando si conclude un amore, ci sentiamo meramente vittime dell’accaduto. La tristezza prende il sopravvento sulla voglia di capire e di capirsi e allora finisce che le lacrime sono il solo modo che utilizziamo per affrontare quel dolore. Prendere invece consapevolezza anche dei propri limiti o comunque di quello che oggettivamente non avrebbe potuto essere, può essere un primo passo per andare oltre. Flò, in fondo, negli anni del suo matrimonio si era più impegnata a cercare di essere amata che ad amare. Da lì all’errore, è un attimo. Occorre però fermarsi per rendersene conto".

Flo compie sette passi per ricominciare dopo la rottura del suo matrimonio: ne possiamo svelare qualcuno?

"Il primo è proprio quello di fare pace con la propria tristezza. Accettarla. E considerarla un punto di partenza. In fondo anche la fine di una relazione è una sorta di lutto che va affrontato. Affrontato e metabolizzato. La debolezza, specialmente in un momento di scoramento, però, può e deve diventare un atto di forza. In fondo non si può piangere per sempre, ma solo se si sprofonda nelle lacrime si può trovare il coraggio di ripartire. Diciamo che ho una predilezione per le donne fragili, perché son quelle che poi riescono a svelare il loro essere potenti".

"Ho smesso di innamorarmi", dice Flo a un certo punto. È possibile? Succede quando ci ai abitua al dolore?

"Non credo sia possibile. Ma credo che si possa mettersi addosso delle paure che ci costringono a vivere ogni tipo di emozione in maniera limitata. La paura fa a cazzotti con l’amore, da sempre. E credo che non rappresenti uno scudo ma solo un freno per i sentimenti. Probabilmente ci s’innamora ugualmente, ma si riesce anche a far di tutto per dimostrare che non è così. Quando si ha paura si ama, ma si evita di correre il rischio di farlo. In realtà quindi non è tanto un rifuggire l’amore, che non possiamo certo impedirci di sentire, quanto uno scappare dalla felicità. Ancora peggio".

Non si può rendere felice qualcuno se prima non si è felici da soli: è questo il messaggio che emerge sia "C'è chi dice di volerti bene" che da "Sette baci prima di dormire".

"E’ un messaggio che può sembrare semplice eppure, invece, è proprio la cosa più difficile da fare. Cerchiamo troppo spesso negli altri il completamento di noi stessi, dimenticando che così facendo si regala solo spazio alle delusioni. La consapevolezza di sé, la pienezza di sé, dovrebbe essere il presupposto di ogni amore. Dico “dovrebbe” perché poi andiamo sempre a cercare di colmare le lacune che abbiamo, dimenticando che gli altri non sono e non possono diventare strumenti del nostro star bene".

Che cosa accomuna le donne che ti scrivono su Faceboook? I loro messaggi sono cambiati nel corso degli anni?

"Non è cambiato niente. Ma non solo da quando io sono la destinataria di molte confessioni dei miei followers. Ma credo non sia cambiato niente tendenzialmente da sempre. Più o meno da quando ci si innamora. Forse è cambiato il modo di comunicarlo questo amore; adesso usiamo facebook, instagram, twitter, ci nascondiamo dietro messaggi subliminali che affidiamo a internet. Un tempo riempivamo la carta da lettere, per poi gettarla nel cestino, o le pagine di un diario segreto. Le donne hanno ancora la stessa intensità, credono nelle stesse illusioni, si affidano alle stesse parole. Per questo non ho intenzione di smettere di scrivere. Di imparare l’amore ne abbiamo bisogno. Io per prima".

L'AUTRICE

Nata a Firenze nel 1976. Nel 2015 ha creato la pagina Facebook “La Gazza” che in poco tempo ha raggiunto centinaia di migliaia di fan. Lavora in banca, ma è anche una voce nota di Rai Radio2 e RDF. Due figli, un cane, un gatto e un ex marito. Ironica, impulsiva, irriverente. Una passione violenta, infinita e carnale per la scrittura. On line ovunque. A tratti anche nella vita. Il suo primo romanzo C’è chi dice di volerti bene è stato un grandissimo successo.

cover SETTE BACI interna
 

Commenti
    Tags:
    sara gazzinila gazzasara gazzini librosette baci prima di dormirelove coach
    in evidenza
    "Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

    Spettacoli

    "Governo ma non troppo..."
    Crozza imita Speranza. VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    La nuova Peugeot 308 diventa premium

    La nuova Peugeot 308 diventa premium


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.