A- A+
Culture
"Lavoro di vivere" a teatro

di Lucilla Noviello

Scritta da Hanoch Levin, autore israeliano morto prematuramente un paio di decenni fa, padre di opere teatrali molto note negli Stati Uniti e in Francia ma poco rappresentate in Italia, Il lavoro di vivere – in scena al Piccolo Eliseo di Roma fino al 5 marzo con la regia di Andrèe Ruth Shammah e interpretato da Carlo Cecchi, Fulvia Carotenuto, e Massimo Loreto -  è la rappresentazione del quotidiano rapporto amoroso di una coppia di mezza età – sulla carta – oppressa dal senso di un’esistenza priva di senso, che si rifugia nei sogni semplici dell’acquisto di una cappellino estivo e del piacere fisico di un corpo che però non ubbidisce più alla volontà del pensiero.

Cinica e contemporaneamente poetica; sovra reale e insieme spietatamente cinica, la piece di Hanoch Levin risulta poco elaborata dalla regia di Andrèe Ruth Shammah che lascia parlare i protagonisti - una donna, suo marito e un amico di lui che improvvisamente una notte arriva nella loro casa a manifestare la sua solitudine, provocando ilarità involontaria in quanto personaggio ma volontariamente da parte dell’autore – dichiarando come l’amore – un tempo sorretto dalla passione – sia diventato nella loro vita e probabilmente in genere, il lato comico di sé stesso nella migliore delle ipotesi e il desiderio di scappare alla ricerca di un altro sé – di un’altra vita felice - nella sincera ipotesi finale.

Il lavoro di Vivere (2)
 

Ma un senso che dia scopo all’esistenza non esiste, neppure nel religioso – almeno per cultura ed educazione – protagonista di quest’opera né  sa trovarlo sua moglie che vorrebbe restare ancorata alla conseguenza logica delle azioni semplici, per cui ad una piccola causa segue sempre un piccolo e facile effetto, e così via. Invece  c’è il dolore e la morte sopra ogni cosa: sopra le risate e sopra le domande. Una morte che livella ogni cosa e che  non obbliga - nuovamente – la regia, a trovare qualche soluzione più originale – almeno di movimento scenico – in un’opera che procede da sola, perché il suo testo, i suoi dialoghi, costruiscono da soli il teatro. Eppure – pur essendo i tre attori bravi, ricchi di esperienza, felicemente padroni della scena – una regia che sorprendesse un poco, che portasse gli attori almeno un poco sopra le righe del loro recitato verbo – così come il verbo stesso suggerisce – ci avrebbe condotto in quel luogo sovrastrutturale che forse lo stesso Hanoch Levin evocava per noi.

Il lavoro di vivere di Hanoch Levin. Regia di Andrée Ruth Shammah. Con Carlo Cecchi, Fulvia Carotenuto e Massimo Loreto.  Al Teatro Piccolo Eliseo di Roma Fino al 5 marzo e poi in tournè in tutta Italia.

 

Tags:
lavoro di vivereteatro lavoro di vivere
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.