A- A+
Culture
Le parole di ieri e di oggi: generazione Z e Baby Boomers a confronto

Generazione Z - Baby Boomers: parole a confronto

Oggi più che mai il conflitto generazionale si fa sentire e, più le generazioni sono distanti l’una dall’altra, più questo gap sembra vasto e incomprensibile. È il caso della generazione dei giovanissimi, nati tra il 1995 e il 2010, la Generazione Z e quella dei Baby Boomers, nati tra il 1946 e il 1964, lontani non solamente per età, ma anche per stile di vita, attitudini, interessi e linguaggio. Basti pensare all’utilizzo dello smartphone e dei social media - tra i preferiti, Tik Tok e Youtube per i primi - e innumerevoli altri aspetti che se da una parte caratterizzano una generazione, dall’altra la allontanano dai propri genitori e nonni. 
 
I membri della Generazione Z, o Centennials, hanno dei modi di dire propri, nati negli ultimi anni oppure importati da altre parti del mondo, che si evolvono e cambiano anche in brevissimo tempo. Si tratta di espressioni provenienti da settori diversi, motivo per cui spesso risultano poco comprensibili alle generazioni più adulte. Tra gli ambiti preferiti dalle nuove generazioni da cui attingere nuovi spunti si può annoverare la musica, il web, il mondo dei videogiochi e quello anglosassone in generale. Molte espressioni e parole, infatti, non sono altro che termini inglesi, nella maggior parte dei casi abbreviati, tradotti e applicati ad alcune situazioni di vita quotidiana. 
 
Babbel, la app che porta le tue abilità linguistiche a un livello superior, ha identificato alcuni dei termini più utilizzati di ieri e oggi e ha creato un vocabolario, una sorta di “traccia” per aiutare i Boomer a comprendere i Centennials e viceversa. 

 

Le parole di oggi

OK BOOMER
“Ok, boomer” è una delle espressioni più inflazionate negli ultimi tempi e rappresenta la risposta che le nuove generazioni danno quando vengono rimproverati da persone più anziane, ovvero i boomer. I boomer nel linguaggio comune sono anche le persone semplicemente un po’ all’antica, che non capiscono mode o tormentoni del momento. 
 
Nel novembre 2019, ad esempio, Chlöe Swarbrick (un membro del parlamento della Nuova Zelanda) ha detto ad un legislatore anziano "OK, Boomer" dopo aver interrotto il suo discorso sui cambiamenti climatici. Ma per lo staff dei sottotitoli della TV parlamentare della Nuova Zelanda, l'osservazione di Chlöe Swarbrick si è rivelata incomprensibile.
 
BAE
BAE non è altro che un acronimo inglese che sta per “Before Anyone Else”. Viene usato per riferirsi a una persona che viene “prima di chiunque altro”, tradotto letteralmente. In generale si usa per indicare il/la migliore amico/a, ma anche un fratello o una sorella, un genitore oppure la persona alla quale si è legati sentimentalmente. 
 
BLAST
Cosa significa, quando qualcuno ti “blasta”? Sostanzialmente essere “sconfitto” malamente in una discussione, zittito da una frase secca che mette a tacere l’interlocutore. Il termine è preso in prestito dalla lingua inglese e dal mondo dei videogiochi. L’espressione va molto di moda sul web, dove viene spesso usata nel momento in cui qualcuno risponde in maniera secca e perentoria a qualcun altro, “annientandolo”. 
 
BUFU
Bufu, nonostante sia l’acronimo di un inglesismo, è un termine tutto italiano: coniato nel 2017 dalla Dark Polo Gang, come viene riportato anche nella Treccani è l’acronimo di “By us fuck u”, tradotto “per quanto ci riguarda, vai a quel paese”. La parola è nata come risposta agli haters della band trap, successivamente si è diffusa nel gergo ed è diventata un’espressione che può essere utilizzata anche con toni più simpatici, rivolta ad un amico/conoscente. 
 
CRINGE
Il termine “cringe” viene utilizzato per indicare qualcosa che è estremamente imbarazzante, per il quale si prova vergogna. Il significato di questa parola in inglese è infatti “strisciare”, “farsi piccolo”, nel senso di nascondersi e diventare quasi invisibile per la vergogna. L’uso di questo termine è diventato più diffuso a seguito della pubblicazione di alcuni video su YouTube intitolati “Try Not to Cringe”, una sorta di challenge nelle quali gli utenti si sfidavano a non provare imbarazzo davanti a delle scene particolari.
 
NORMIE
Anche in questo caso, un termine inglese: il “normie” altro non è che una persona conformista, che segue la moda e i trend del momento. Può essere applicato a diversi campi e funzionare sempre: sei normie sia se si parla di musica che di film, oppure di meme.
 
TRIGGER
Diffuso soprattutto sul web, questo termine deriva dall’inglese “to trigger”, che vuol dire sostanzialmente “innescare”. Il verbo è stato italianizzato ed è diventato “triggerare”, con tutte le sue declinazioni: oggi si utilizza per indicare che qualcosa ha dato particolarmente fastidio, o comunque colpito attirando l’attenzione per alcune caratteristiche negative. Secondo l’Accademia della Crusca, in futuro potrebbe diventare un semplice sinonimo di “far arrabbiare”.
 
FIRE
“Fire”, letteralmente “fuoco” è un termine importato dalla cultura anglosassone, ma ampiamente diffuso anche in Italia, soprattutto sui social network dove spesso viene anche sostituito dall’emoji della fiamma. Viene utilizzato come sinonimo di “cool”, “forte”, “bello!”. “Fire” non è altro che la versione moderna di “groovy”, termine utilizzato dai Boomer per indicare una cosa “alla moda”. 
 
YIKES
Come il termine “cringe”, anche “yikes” si riferisce a qualcosa di imbarazzante, ma non solo. In gergo comune, è una parola passe-partout che può indicare che si è preoccupati, sorpresi o scioccati. Anche in questo caso, la controparte Boomer userebbe un’altra espressione: “bummer” che simboleggia, più generalmente, un’esperienza negativa.
 

Le parole di ieri 

Se da un lato solo una bassa percentuale dei Boomer è in grado di riconoscere lo slang della Generazione Z come lit (8%) e extra (17%), dall’altro, non è nemmeno scontato che i più giovani capiscano i modi di dire “di una volta”. Babbel ha identificato alcune espressioni ad oggi in disuso, ma che hanno caratterizzato l’intera generazione dei Baby Boomers.
 
Gas: termine gergale popolare negli anni '60, un "gas" era qualsiasi attività o evento che fosse divertente o che ispirasse a ridere.
 
Don’t flip your wig: letteralmente “non ribaltare la tua parrucca” utilizzato per dire a qualcuno di calmarsi. A dimostrazione dell’evoluzione del linguaggio, oggi i Centennials utilizzano il termine “wig” per indicare qualcosa di straordinario. Si riferisce all'idea che ciò che si è visto è stato così sorprendente, che la parrucca è volata via.
 
Wet rag: nessun divertimento o noia. Definire qualcuno uno “straccio bagnato” implica che lo si vuole spingere ad uscire e divertirsi.
 
Come on, snake, let’s rattle!: letteralmente “dai, serpente, facciamo tintinnare”, aveva un duplice significato a seconda del tono. Significava chiedere a una ragazza di ballare, ma poteva anche significare che si stava sfidando qualcuno a combattere.
 
Thong: mentre ora si riferisce a un tipo di indumento intimo, il termine originariamente si riferiva ad una coppia di infradito.
 
 
 
 
Loading...
Commenti
    Tags:
    nuove parolegenerazione zbaby boomersboomerbabbelbaeblasttriggercentennials
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova PEUGEOT 2008 è stata eletta Auto Europa 2021 da UIGA

    Nuova PEUGEOT 2008 è stata eletta Auto Europa 2021 da UIGA


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.