A- A+
Culture

di Simonetta M. Rodinò

Jole Veneziani, sorella minore del commediografo Carlo, avrebbe voluto diventare attrice. Ma dopo una breve esperienza teatrale, nel 1937 si dedicò alla creazione di pellicce in via Nerino a Milano, divenendo in brevissimo tempo un astro di prima grandezza e passando in seguito alla creazione moda in senso completo portò non solo il bagaglio delle ispirazioni artistiche che la guidavano ma anche lo scintillio, la predilezione per lo sfarzo, insiti nella sua natura. Alla pioniera del Made in Italy nel mondo è dedicata la mostra "JOLE VENEZIANI. Alta moda e società a Milano", da domani nella Villa Necchi Campiglio a Milano, casa museo di proprietà del FAI - Fondo Ambiente Italiano. La rassegna, che si snoda nei due piani della villa, ripercorre la carriera e la vita di questa figura, grande "artigiana" dell'haute couture, ma non solo, attraverso una selezione di abiti e cappelli, scelti tra i 200 dell'Archivio Veneziani, acquisito nei primi anni Ottanta dalla fondazione padovana Bano. Nel sottotetto poi è ricostruita la vita della stilista grazie a bozzetti di sartoria, documenti fotografici, filmati, oltre alle copertine delle riviste che hanno immortalato lei e i suoi abiti - memorabile quella di Life del 14 aprile 1952 - e i riconoscimenti ottenuti a livello nazionale e internazionale.

Tarantina di nascita, milanese d'adozione, nella città meneghina, semidistrutta dalla guerra, sposta il suo atelier al numero 8 di via Montenapoleone. Fu l'inizio del suo grande successo. Da lì passeranno Josephine Baker, Marlene Dietrich, Maria Callas, Wally Toscanini, Anna Proclemer, Giovanna Ralli, Sandra Milo, Franca Rame…Felice pretesto per far partecipare alla vita della villa gli abiti di sartoria, i manichini esposti simulano l'incontro tra due amiche per organizzare una festa. Dalla prima mattina all'ora del party, si seguono le azioni di una giornata: attraversando le varie sale, dalla camera da letto, allo studio, alla cucina, al salotto, è tutto un incalzare di colori, tessuti, mise, eleganti e ricercate. Una stanza riproduce il suo atelier: sul lungo tavolo bozzetti, stoffe, puntaspilli, rocchette di filo, macchina da cucire…alle pareti foto d'epoca e immagini delle modelle, tra cui le sue preferite, Lucia Bosè ed Elsa Martinelli.
 


Donna di estremo talento, mancata 88enne a Milano nel 1989, riuscì a far conoscere al mondo il suo stile modernissimo. Ma non solo. Affascinata dai colori delle auto americane, realizzò per l'Alfa Romeo carrozzerie e interni vivaci. Gli occhiali luminosi - sua caratteristica essendo molto miope - montati in oro con lenti bianche per casa, grandi e scuri per fuori casa di giorno, montati in oro e oro bianco tempestati di brillanti e lenti pastellate per la sera, hanno ispirato i fabbricanti di occhiali in Europa e in America.


"JOLE VENEZIANI. Alta moda e società a Milano"
Villa Necchi Campiglio - via Mozart 14 - Milano
10 ottobre - 24 novembre 2013
Orari: da mercoledì a domenica 10-18
Ingresso villa + mostra: adulti € 11; bambini (4-14 anni) € 4; iscritti FAI € 4
Infoline: 02/76340121
Catalogo: Marsilio editori
www.fondoambiente.it

Tags:
mostrajole veneziani
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.