A- A+
Culture
Mounir Bouchenaki, ecco come Liangzhu è il 55° sito sotto protezione Unesco

E’ Liangzhu in Cina, l’insediamento della prima civiltà urbana dedita alla coltivazione del riso, il 55esimo sito sotto protezione Unesco, facendo perdere all’Italia il primato che deteneva da sola in cima alla lista dei beni patrimonio dell’Umanità. Qual è stato l’orientamento dell’Unesco che ha portato a questa decisione? Affaritaliani ne parla con Mounir Bouchenaki, consigliere speciale del direttore generale Unesco (nella foto a sinistra), tra gli ospiti di eccezione alla Bmta di Paestum. “La Cina è un Paese che ha una grande storia, una civiltà millenaria. Partendo da queste considerazioni, l’Unesco si è impegnata a lavorare con il governo cinese, più specificamente con il Dipartimento della cultura. E’ il Paese dei grandi progetti, tra cui quello della costruzione sul fiume Giallo della più imponente diga al mondo. Negli anni Novanta, mi hanno chiesto, nella qualità di rappresentante dell’Unesco, di stilare un rapporto sulle conseguenze che la diga avrebbe avuto sul patrimonio archeologico, come proteggere i templi, le necropoli in caso di calamità dovuta all’acqua. Nello stesso tempo -prosegue Bouchenaki- abbiamo cominciato a lavorare prima sull’antico sito dell’”Uomo di Pechino”, dopo i rinvenimenti da parte degli archeologi francesi.  Successivamente, nella qualità di direttore generale, abbiamo lavorato sulle città storiche cominciando da Suzhan a ovest di Shangai. In quel periodo il sostegno della Cina è stato determinante, tanto che dagli anni Duemila non solo le proposte di salvaguardia dei monumenti sono raddoppiate, quanto l’anno prossimo, a luglio, organizzerà nel proprio Paese il Comitato del patrimonio mondiale. In quell’occasione il Paese del Dragone proporrà nuove candidature per la lista del patrimonio Unesco. Nei mesi scorsi i rappresentanti del governo cinese mi ha chiesto di lavorare con loro per preparare l’evento che sarà il più grande dell’Unesco mai fatto dopo la Conferenza biennale di novembre. Sono certo che in quell’occasione anche l’Italia avanzerà qualche proposta”. Bouchenaki ha parole di elogio anche per la Bmta e per l’ideatore e organizzatore della più importante rassegna al mondo sull’archeologia. E non solo. “La Bmta è riconosciuta fin dall’inizio quale best practice per l’impegno a favore del dialogo interculturale come valore universale. Oggi, a distanza di ventidue anni, dimostra come la volontà di salvaguardare il patrimonio storico e culturale mondiale sia diventata una priorità dei popoli”.

Commenti
    Tags:
    cinabmtapaestummuseo
    in evidenza
    Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

    Striscia la Notizia, sexy veline

    Giulia Pelagatti... a tutto sport
    Talisa Ravagnani, ex star di Amici

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

    Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.