A- A+
Culture

 

 

LO SPECIALE

 

Scrittori, editori, editor, interviste, recensioni, librerie, e-book, curiosità, retroscena, numeri, anticipazioni... Su Affaritaliani.it tutto (e prima) sull'editoria libraria

di Antonio Prudenzano
su Twitter: @PrudenzanoAnton

AlbertoOttieri

L’intera filiera del libro da ormai un paio d’anni è in difficoltà. Case editrici e catene di librerie ricorrono ai contratti di solidarietà o alla cassa integrazione, c’è poi chi chiude bottega e chi presenta domanda prenotativa di concordato preventivo; intanto, i precari del libro provano ad alzare la voce. Insomma, per questo settore il momento non è  facile, e non si possono certo dimenticare il peso del contesto di crisi generale che sta attraversando l’Italia, e le grandi trasformazioni portate dalla cosiddetta “rivoluzione digitale”.

Per fortuna, ci sono ancora aziende solide: anche per queste ultime, però, è giunto il momento di riorganizzarsi. E qui veniamo al caso specifico della holding  Giunti & Messaggerie, nata il 18 gennaio 2010  “per coordinare ed indirizzare le attività commerciali del gruppo nell’ambito librario conferite da Emmelibri - Gruppo Messaggerie e da Giunti Editore”. In un anno positivo per il mercato del libro com’è stato il 2010, l’accordo aveva l’intento di allargare il mercato. Tutti i principali canali della distribuzione editoriale, infatti, trovano i marchi del gruppo Giunti & Messaggerie in una posizione di leadership: nell’ingrosso (Fastbook), nel servizio alla grande distribuzione organizzata (Opportunity), nelle vendite on-line (Ibs.it e Libraccio.it) e nel canale tradizionale (Librerie Giunti al Punto, Ibs.it e Ubik) e al servizio delle librerie remainder (Opportunity).

Lo scorso 3 ottobre, Alberto Ottieri, Amministratore delegato di Emmelibri, proprio ad Affaritaliani.it aveva già anticipato che si stava ridefinendo “il perimetro della collaborazione tra Giunti e Messaggerie". Nei mesi successivi, come ci racconta oggi Ottieri, che abbiamo risentito, la discussione è andata avanti. “Sì, da qualche giorno ci siamo separati consensualmente. La holding  Giunti & Messaggerie è stata sciolta. Ci tengo a dire che i nostri rapporti con Giunti restano ottimi. I patti erano chiari fin dall’inizio, separarsi, quindi, è stato semplice”.

Ma perché Giunti & Messaggerie mettono fine alla partnnership? “Il mercato è in generale calo. Il contesto, dunque, è ben diverso da quello in crescita in cui l’accordo è maturato. E’ giunto per tutti il momento di riorganizzarsi”. In pratica, “Giunti si riprende le Librerie Giunti al Punto, che comunque in questi anni aveva continuato a gestire, e lo stesso facciamo noi con Fastbook, Opportunity, Ibs.it, Libraccio e Ubik”.

A proposito della riorganizzazione di Messaggerie, lo scorso gennaio il Cda (presieduto da Achille Mauri) ha nominato vice presidente Stefano Mauri, mentre a Ottieri è andata la delega alle strategie distributive e commerciali. Nelle scorse settimane è poi arrivata la nomina di Vincenzo Russi a Chief Digital Officer: “E’ la dimostrazione Messaggerie Italiane sta concentrando gli investimenti sulla nuova frontiera rappresentata dal digitale. E le librerie Ibs.it avranno un ruolo strategico”, prosegue Ottieri, per il quale “fisico e digitale possono e devono coesistere”.

Tags:
giuntimessaggeriegiunti messaggerielibreriegemsottiericatene libreriestefano mauri
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.