A- A+
Culture
Ponza D’Autore, Mieli lancia Landò per il Corriere della Sera

L’appuntamento sulla futura configurazione dell’editoria, tra vecchie identità e nuove sfide digitali ha chiuso la rassegna culturale Ponza D’Autore, ieri sera domenica 3 agosto. A confronto le opinioni di tre grandi direttori come Paolo Mieli, Luca Landò e Angelo Perrino, storico direttore del primo giornale online Affaritaliani.it, e di Gianpiero Lotito, CEO del rivoluzionario motore di ricerca semantico FacilityLive che proprio dal mondo dell’editoria ha imitato le sue funzionalità.
 
A proposito del caso-Unità, Luca Landò, suo ultimo direttore, afferma: “L’unico modo di uccidere l’Unità è di darla in mano a un editore di destra; l’offerta di Daniela Santanchè è inaccettabile: è un personaggio troppo profilato politicamente, che svuoterebbe il giornale fondato da Antonio Gramsci di senso, passione e credibilità”. “Ora” – continua Landò – “subentrerà un commissario e sarà lui e non l’assemblea dei soci, che impone una maggioranza del 91% per prendere qualunque decisione, a decidere le sorti del giornale”. 

Lo scrittore e storico Paolo Mieli, incalzato da Gianluigi Nuzzi e David Parenzo sul possibile successore di De Bortoli alla guida del Corriere della Sera auspica: “Per formazione, preparazione ed esperienza internazionale Luca Landò è il direttore ideale”. A proposito dei nomi noti, il due volte direttore del quotidiano di Via Solferino pronostica che “Cazzullo e Calabresi hanno le medesime possibilità di succedere a De Bortoli. Barbara Stefanelli, attuale vice direttore, rappresenterebbe quel salto generazionale che più di tutto mi auguro per il Corriere”. “Per quanto riguarda me” – afferma in chiusura – “non sarò io a succedere a De Bortoli in questo momento. Dopo i primi due mandati, tornerò sicuramente direttore del Corriere della Sera, ma saltando il terzo turno e passando direttamente al quarto”.
 
Una grandissima affluenza di pubblico e di entusiasmo ha caratterizzato questa sesta edizione di Ponza D’Autore, curata dal giornalista Gianluigi Nuzzi e David Parenzo e con la collaborazione di Visverbi, che si è tenuta dal 18 luglio al 3 agosto 2014 nell’isola di Ponza. Tre week end all’insegna delle contaminazioni, delle evoluzioni culturali che determinano mutazioni nei panorami di riferimento. Dedicata al tema #innovatori, l’edizione 2014 ha coinvolto oltre 40 relatori tra cui 5 direttori di quotidiani, in 10 serate che si sono svolte tra le meravigliose terrazze e i giardini del Grand Hotel Santa Domitilla e i palchi in piazzetta Giancos, e alla Caletta.
 
Gianluigi Nuzzi e David Parenzo descrivono così la rassegna: "Ponza D’Autore si afferma come unica rassegna a costo pubblico zero, tra le poche senza padrini politici, corti, cortigiane, lobby e cordate. #innovatori è l’hashtag della manifestazione per contribuire al confronto quotidiano.
 

Tags:
ponza d’autorepaolo mielidavid parenzoluca landòangelo perrino
in evidenza
Formazione continua e lavoro Ecco come superare il mismatch

La visione di Fondo For.Te.

Formazione continua e lavoro
Ecco come superare il mismatch


in vetrina
E.ON, inaugurato impianto fotovoltaico alla Scuola Germanica di Milano

E.ON, inaugurato impianto fotovoltaico alla Scuola Germanica di Milano


motori
Debutta la quinta generazione di Doblo, anche elettrico

Debutta la quinta generazione di Doblo, anche elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.