A- A+
Culture

“Non dobbiamo mai dimenticare il grande apporto di Visconti al cinema italiano, a cominciare da quel periodo nero che è stato il Fascismo, quando con Ossessione è riuscito a creare su un testo americano lo stesso realismo che il suo maestro Jean Renoir gli aveva insegnato. Realismo portato a perfezione con il capolavoro "La terra trema", girato in Sicilia con autentici pescatori. Visconti aveva rivisitato il testo letterario "I Malavoglia" di Giovanni Verga facendo in modo che i protagonisti - tutti scelti tra veri pescatori di Aci Trezza – non recitassero le battute del romanzo, ma invece dicessero quelle frasi che lui ascoltava proprio da loro quando chiedeva: ‘In questa situazione, che cosa direste?’. Ho assistito personalmente a queste scene: lui con i suoi aiuto registi Franco Zeffirelli e Francesco Rosi annotava tutte le risposte dei pescatori, che poi venivano ripetute davanti alla macchina da presa. La terra trema è stato il culmine. In occasione di un incontro in televisione, poco prima che venisse ritrasmesso La terra trema, fu lo stesso Visconti a dirmi: ‘Il neorealismo è nato con me e poi non c’è più stato’”.

Parla così Gian Luigi Rondi, Presidente a vita del David di Donatello e decano dei critici cinematografici italiani. Che, a quarant’anni esatti dalla morte di Luchino Visconti, il 17 marzo 1976, ricorda questo grande padre del neorealismo. “Ma Luchino Visconti è stato anche un grande romanziere: tutti i suoi film sono romanzi, non tanto perché derivati da opere letterarie, ma perché sapeva raccontare come si racconta in letteratura” ha aggiunto Rondi “Nell’immediato dopoguerra e per qualche tempo dopo è stato l’autore che meglio ha saputo coniugare la letteratura con il cinema”.

L’intervista completa è sul sito www.siae.it

Tags:
cinemaluchino visconti
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.