A- A+
Culture
Restaurata la testa di Michelangelo alla Galleria dell'Accademia di Firenze

E' tornato all'antico splendore il busto in bronzo con la testa di Michelangelo Buonarroti realizzato dal suo allievo Daniele da Volterra custodito nella Galleria dell'Accademia di Firenze.

L'opera, al termine del restauro, è ora visibile nella Galleria dei Prigioni, sul lato destro subito dopo l'ingresso. Il restauratore Nicola Salvioli e altri esperti hanno confermato che il busto è l'originale scultura di Daniele da Volterra. L'opera presenta sulla superficie i segni di una prolungata esposizione all'aperto. Anche gli inventari hanno confermato la presenza dell'opera nelle collezioni medicee fino al 1803, quando è stata trasferita prima all'Accademia di Belle Arti e infine nella sua attuale collocazione. Il busto presentava problematiche conservative ed estetiche tipiche di un manufatto bronzeo rinascimentale. La superficie in parte lucida ed in parte arida e opaca, appariva ricoperta da diverse sostanze; non è da escludere un antico intervento di pulitura con sostanze acidule che hanno cancellato eventuali residui di patinatura originale e dato vita a processi di corrosione localizzati protrattisi poi nel tempo. L'intervento volto al recupero della corretta leggibilità dell'opera e alla ricerca di patinature originali, è stato condotto con il supporto di una campagna diagnostica mirata alla raccolta di informazioni sullo stato di conservazione. Tra gli interventi effettuati anche il ripristino di un corretto assetto dell'insieme busto-piedistallo, mediante la realizzazione di un supporto metallico tergale e di consolidamento interno della pietra, consentendo, inoltre, l'ancoraggio di sicurezza a parete. 

Come afferma Cecilie Hollberg, direttrice del museo, "il restauro dell'importante ritratto di Michelangelo realizzato da Daniele da Volterra, restituisce, in tutto il suo splendore, il vero volto del grande maestro del Rinascimento. Il busto di Michelangelo, collocato proprio all'ingresso della Tribuna del David, accoglie, idealmente, il pubblico che, da ogni parte del mondo, viene ad ammirare i suoi capolavori". La scultura è stata realizzata all'indomani della morte di Michelangelo (1564), quando, l'impegno di curare il monumento sepolcrale fu assunto dal nipote Leonardo Buonarroti, che affidò l'incarico per la realizzazione del busto in bronzo a Daniele da Volterra. L'artista, che era stato uno degli amici più affezionati di Michelangelo, realizzò un ritratto di grande intensità realistica. La scultura ha avuto, in seguito, un numero considerevole di repliche, che hanno causato non poche difficoltà a distinguere gli esemplari autografi dalle copie.

In origine le versioni autografe erano solo tre: due destinate a Leonardo Buonarroti e una a Diomede Leoni, seguace di Michelangelo e instancabile collezionista. I bronzi per Leonardo rimasero a uno stadio di finitura piuttosto grezzo e sono custodite, oggi, a Casa Buonarroti e al Museo Jacquemart-André di Parigi. La terza testa, rifinita da un collaboratore di Daniele da Volterra, è stata prima collocata negli Horti Leonini, e in seguito è passata nelle collezioni di Ferdinando I de' Medici. La sua identificazione è rimasta però a lungo incerta perché, esistevano almeno due busti di provenienza medicea, conservati alla Galleria dell'Accademia di Firenze e al Museo Nazionale del Bargello. Ora il restauro ha permesso di accertarne l'autenticità.

Tags:
testa di michelangelogalleria dell'accademia di firenze
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.