A- A+
Culture
Stephen Hawking, l'intelligenza artificiale potrebbe distruggere la civiltà

Allarme Intelligenza Artificiale, lo lancia Stephen Hawking


Il fisico di fama mondiale Stephen Hawking ha avvertito: l'intelligenza artificiale (AI) ha il potenziale di distruggere la civiltà e potrebbe essere la cosa peggiore che è mai successa all'umanità.

 

Stephen Hawking, Allarme AI: “evento peggiore nella storia della nostra civiltà”

 

L'emergere dell'intelligenza artificiale (AI) potrebbe essere il "evento peggiore nella storia della nostra civiltà" a meno che la società non trovi un modo per controllare il suo sviluppo, ha dichiarato Stephen Hawking durante il Web Summit sulle tecnologie che si è tenuto a Lisbona, in Portugallo: "i computer possono in teoria emulare l'intelligenza umana e superarla".

Come riportato dalla CNBC, Hawking ha parlato del potenziale dell'Intelligenza Artificiale per contribuire a eliminare alcuni problemi causati dalla natura, o sradicare la povertà e le malattie ". Ma ha ammesso anche che il futuro è incerto.

"Il successo nella creazione di un AI efficace potrebbe essere il più grande evento nella storia della nostra civiltà, o il peggiore, non lo sappiamo, quindi non possiamo sapere se saremo infinitamente aiutati dall'AI, o distrutti da essa ", ha detto Hawking durante il discorso.

"A meno che non impariamo a prepararci e ad evitare i rischi potenziali, l'AI potrebbe essere l'evento peggiore nella storia della nostra civiltà: porta pericoli, come potenti armi robotiche autonome o nuovi modi per opprimere le moltitudini. Potrebbe portare grandi turbamenti  alla nostra economia".

 

Allarme Intelligenza Artificiale: la civiltà è in pericolo. Lo dice Stephen Hawking, ma è ottimista

 

Hawking ha spiegato che per evitare questa potenziale realtà, i creatori di AI devono "impiegare pratiche migliori e una gestione efficace".

Lo scienziato ha citato alcuni dei lavori legislativi in atto in Europa, in particolare le proposte presentate dai legislatori all'inizio di quest'anno per stabilire nuove regole in materia di AI e robotica. I membri del Parlamento europeo hanno affermato che le norme dell'Unione Europea sono necessarie in materia. 

Questi sviluppi stanno dando speranza a Hawking.

"Sono ottimista e credo che possiamo sviluppare forme di Intelligenza Artificiale per il bene del mondo, affinché l’AI possa lavorare in armonia con noi. Bisogna semplicemente essere consapevoli dei pericoli, identificarli, impiegare la migliore pratica e gestione possibile, e prepararsi per le sue conseguenze in anticipo", ha detto Hawking.

Non è la prima volta che il fisico britannico ha avvertito sui pericoli dell'Intelligenza Artificiale. E si unisce così al coro di altre voci importanti della scienza e della tecnologia. Il CEO di Tesla e SpaceX, Elon Musk, ha recentemente affermato che l'AI potrebbe causare una terza guerra mondiale.

Tags:
stephen hawkingintelligenza artificialeallarme ai
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.