A- A+
Culture
Teatro, "La tempesta" di Shakespeare in tournée
Luigi Diberti

di   Lucilla Noviello

Una Tempesta in cui il magico e il reale sono il sopra e il sotto, la vecchiaia e la giovinezza il vero e il falso il si e il  no.

Forse ultima opera scritta da William Shakespeare La tempesta è messa in scena in questi giorni e fino al 20 novembre al Teatro Argot di Roma, e poi in tournè in tutta Italia, con la regia di Maurizio Panici, interpretata da Luigi Diberti, Claudia Gusmano, Valentina Carli e Matteo Quinzi. Attraverso un allestimento scenico che esaspera l’aspetto comico dell’opera del famoso drammaturgo inglese e sfrutta l’abile interpretazione di attori che invece dell’idioma nazionale usano il dialetto – il napoletano -  per descrivere la loro realtà di isolani o naufraghi e ubriachi in un gioco scenico che rappresenta un’umanità disorientata ma anche velatamente ironica, la regia di Maurizio Panici sceglie di evidenziare, di questo testo teatrale, gli aspetti più vistosi e rappresentativi di un gruppo familiare nobile di nome ma poco di fatto e di alcuni spiriti – malvagi o ariosi, ma comunque poco concentrati sulle vicende degli uomini, se non quando ciò è necessario per mostrare il loro palese o velato disprezzo. Il palcoscenico, diviso in alto e basso, è lo spazio dove gli attori e i personaggi si muovono, disuniti da una scala utile non solo per creare ponti o movimenti, ombre o nascondigli, ma soprattutto per separare il passato dal presente, il frivolo dal reale e per rendere al pensiero – o al sonno e al sogno – il grande valore di realtà possibile e alternativa. Eppure, al momento del risveglio – il nostro oltre a quello di coloro che si muovono sulla scena  - nessun personaggio si allontana da ciò che pensavamo che fosse. La fanciulla Miranda e lo spirito Ariel restano distanti  sia dall’amore sia dalla compassione – a dispetto delle loro parole - e i cattivi ci sembrano più simulacro di malvagità che esempio di cattiveria vera e propria.  In una visione semplificata ma non privata di significati Tempesta di Shakespeare resta opera su cui soffermarsi, indugiare e restare, infine.

Tempesta, di William Shakespeare. Regia di Maurizio Panici. Con  Luigi Diberti, Claudia Gusmano, Valentina Carli, Matteo Quinzi. Al Teatro Argot  di Roma fino al 20 Novembre e poi in tournè in tutta Italia.

Tags:
la tempesta shakespeare teatroteatro shakespeare la tempesta
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.