A- A+
Culture
The Imposter , se la bugia è realtà. La storia vera del nuovo Zelig

di Lorenzo Lamperti

twitter@LorenzoLamperti

"Tutto iniziò quando mi chiesero se avevo letto Moby Dick". Comincia da questo episodio la volontà di Leonard Zelig, protagonista del mitico mockumentary di Woody Allen, di mimetizzarsi. Cambiare convinzioni, ideali, esperienze, persino aspetto fisico, per essere accettati. A poco più di 30 anni di distanza dal capolavoro del regista di Manhattan arriva nelle sale italiane "The Imposter", opera prima del 2012 del regista Bart Layton. E' la sconvolgente storia vera di Frédéric Bourdin, uno tra i più celebri ladri d'identità a livello mondiale. A metà tra documentario e film di finzione, tra inchiesta giornalistica e dramma psicologico, The Imposter mescola sapientemente vari generi cinematografici in un'elettrica riflessione sulla sottile linea rossa tra bugia e verità.

AFFARI AL CINEMA

1. PAOLO SORRENTINO E LA GRANDE BELLEZZA

2. CINEMA E FINANZA: THE WOLF OF WALL STREET

3. CINEMA E AIDS: DALLAS BUYERS CLUB

4. "A PROPOSITO DI DAVIS", LO STRAORDINARIO FOLK DEI FRATELLI COEN

5. IL FILM CHOC "12 ANNI SCHIAVO". FASSBENDER PADRONE SADICO E VIOLENTO

6. POMPEI, IL RACCONTO DEL DISASTRO TRA IL GLADIATORE E MELANCHOLIA

7. HER, L'AMORE TRA UOMO E COMPUTER ESISTE

8. SNOWPIERCER: E' ARRIVATA LA NUOVA ERA GLACIALE

IL CAMALEONTE - Frédéric Bourdin esiste davvero. E' nato nel 1974 in Francia. Conosciuto come il "camaleonte", è tra i più celebri ladri di identità al mondo. Si stima che abbia assunto più di 500 false identità sin da quando era molto giovane. Nicholas Barclay invece è sparito il 13 giugno 1994, quando aveva 13 anni. Nessuno ha più sue notizie fino al 1997, quando la famiglia di Nicholas riceve una telefonata dalla Spagna. Nicholas è stato ritrovato. In realtà è Frédéric che si spaccia per lui. Quando la sorella di Nicholas arriva in Spagna per portarlo a casa è convinto che la sua menzogna venga smascherata, ma incredibilmente non è così. Frédéric comincia una nuova vita, la vita di qualcun altro. La famiglia di Nicholas lo accetta nonostante le evidenti differenze fisiche e le diversità di pronuncia. Ma le indagini di Charlie Parker, un investigatore privato, getta una nuova, inquietante, luce su tutta la vicenda...

TRA BUGIA E VERITA' - Layton costruisce un film agghiacciante, penetrante. La regia è precisa come un orologio svizzero. Le pause nelle parole di Frédéric e la musica di sottofondo arrivano sempre al momento giusto per alimentare la tensione che piano piano prende il sopravvento nello spettatore. Sospeso tra documentario e dramma psicologico, tra cinema d'inchiesta e persino thriller, The Imposter è prima di tutto una riflessione a tutto tondo sulla realtà, sulle cose che vediamo e su quelle che vogliamo vedere. Il montaggio, perfetto, contribuisce a creare un appassionante ibrido tra cronaca e racconto. I protagonisti della vicenda hanno versioni diverse, spesso contrastanti. Layton ce le presenta tutte senza filtri e giudizi dall'alto. Lo spettatore diventa allora come la famiglia di Nicholas: può decidere a chi credere. A Frédéric, alla famiglia di Nicholas, all'investigatore Charlie Parker, a nessuno di loro. Ogni volta che lo spettatore crede di aver capito dove sta la verità una nuova svolta rimette tutto in discussione. E allora, a differenza che in Zelig di Woody Allen, i riflettori si spostano dal camaleonte al resto degli uomini. Non è tanto importante perché il camaleonte dice di aver letto Moby Dick nonostante non lo abbia fatto, quanto invece l'effetto che questa bugia ha sul mondo circostante. Una bugia che si mescola alla verità. Una verità con la v minuscola, quasi superflua, sfaccettata e difficile, se non impossibile, da decifrare.

 

 

Tags:
the imposterzelig
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.