A- A+
Economia
Addio alla classe media per 7 milioni di italiani. Lo dicono Banca Intesa e il Centro Einaudi

Le famiglie italiane, che appartengono alla classe media nel 2015 sono il 38,5% del totale rispetto al 57,1% rilevato nel 2007. E' quanto emerge dall''Indagine sul risparmio e sulle scelte finanziarie degli italiani 2015' del Centro Einaudi e di Intesa Sanpaolo presentata, oggi, a Torino. Circa 7 milioni di italiani(3 milioni di famiglie) hanno perso durante la crisi "l'ancoraggio economico che li legava alla classe media".

“Per la prima volta dalla seconda guerra mondiale il ceto medio ha fatto un passo indietro rispetto ai propri genitori”, ha detto Salvatore Carrubba, presidente del Centro Einaudi. “Circa 7 milioni di italiani hanno perso durante la crisi del 2007-2014 l’ancoraggio economico che li legava alla classe media”, spiega il rapporto. Mentre ha mantenuto la posizione “naviga a vista, in condizioni precarie e ha abbandonato la spensieratezza”. “Non è un fenomeno solo italiano, la contrazione della classe media è una tendenza molto diffusa soprattutto in Europa” ha precisato Carruba, che ha registrato anche “il blocco dell’ascensore sociale”.

I modelli di consumo hanno subito una metamorfosi. La classe media ha cambiato tenore di vita: il 25 per cento ha tagliato sull’acquisto di automobili, il 60 su vacanze, alberghi e ristoranti, il 35 per cento sugli spettacoli e il 24 per cento ha rinunciato a cure mediche private, mentre i tagli su abbigliamento e accessori arrivano fino al 50 per cento. I comportamenti reali di risparmio si concentrano sui figli, soprattutto sui loro studi anche all’estero.

Tags:
classe media
S
i più visti
in evidenza
Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

Euro 2020, super Italia

Gioiello di Pessina, Galles ko
Ma ora è incubo Belgio di Lukaku


casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.