BANNER

Il dossier Alitalia e la sua possibile partnership con la compagnia di bandiera russa Aeroflot potrebbe essere trattato durante il vertice intergovernativo di Trieste, dove il premier Enrico Letta incontra il presidente Vladimir Putin, accompagnati da una folta schiera di ministri, tra cui quelli dei Trasporti. Lo si apprende da fonti politico-diplomatiche a Mosca. "Alitalia non e' ufficialmente in agenda - dicono - ma non e' escluso che se ne parli". Mentre le ipotesi Lufthansa, Air China, Etihad sembrano ormai sempre meno concrete, Aeroflot sembra rimasto l'unico possibile candidato a quel ruolo di "partner internazionale", invocato a piu' riprese dal ministro Maurizio Lupi, e ieri dal consigliere economico di Letta, Fabrizio Pagani.

Illustrando il vertice intergovernativo italo-russo, Pagani ha dichiarato: "Non credo che la Russia abbia chiuso il dossier Alitalia". Il consigliere ha poi ribadito che "Alitalia sta cercando l'integrazione in un grande gruppo internazionale, che ne garantisca lo sviluppo". Il vettore russo ha studiato e conosce bene il dossier italiano: insieme a Lufthansa, Hainan ed Etihad, Aeroflot e' stata tirata piu' volte in ballo dai media come alternativa ai soci franco-olandesi di Air France-Klm, gia' prima del loro ufficiale disimpegno. Pur avendo escluso l'intenzione dell'acquisto di Alitalia o della partecipazione a un suo finanziamento, i russi non hanno mai smentito l'interesse a una partnership industriale, considerando la compagnia italiana un partner complementare, nel quadro delle proprie strategie di sviluppo. Un incontro per "colloqui esplorativi" tra i due vettori era stato fissato gia' per la prima meta' di novembre a Mosca. Le scadenze nel cda della compagna italiana, chiamato ad esaminare le linee guida del nuovo piano industriale, e le incertezze legate fino all'ultimo alla partecipazione di Air France-Klm all'aumento di capitale, hanno pero' imposto uno slittamento.

2013-11-26T10:36:38.103+01:002013-11-26T10:36:00+01:00truetrue1466116falsefalse3Economia/economia4130899614662013-11-26T10:36:38.167+01:0014662013-11-26T10:44:44.087+01:000/economia/alitalia-aeroflot261113false2013-11-26T10:40:37.847+01:00308996it-IT102013-11-26T10:36:00"] }
A- A+
Economia


BANNER

Il dossier Alitalia e la sua possibile partnership con la compagnia di bandiera russa Aeroflot potrebbe essere trattato durante il vertice intergovernativo di Trieste, dove il premier Enrico Letta incontra il presidente Vladimir Putin, accompagnati da una folta schiera di ministri, tra cui quelli dei Trasporti. Lo si apprende da fonti politico-diplomatiche a Mosca. "Alitalia non e' ufficialmente in agenda - dicono - ma non e' escluso che se ne parli". Mentre le ipotesi Lufthansa, Air China, Etihad sembrano ormai sempre meno concrete, Aeroflot sembra rimasto l'unico possibile candidato a quel ruolo di "partner internazionale", invocato a piu' riprese dal ministro Maurizio Lupi, e ieri dal consigliere economico di Letta, Fabrizio Pagani.

Illustrando il vertice intergovernativo italo-russo, Pagani ha dichiarato: "Non credo che la Russia abbia chiuso il dossier Alitalia". Il consigliere ha poi ribadito che "Alitalia sta cercando l'integrazione in un grande gruppo internazionale, che ne garantisca lo sviluppo". Il vettore russo ha studiato e conosce bene il dossier italiano: insieme a Lufthansa, Hainan ed Etihad, Aeroflot e' stata tirata piu' volte in ballo dai media come alternativa ai soci franco-olandesi di Air France-Klm, gia' prima del loro ufficiale disimpegno. Pur avendo escluso l'intenzione dell'acquisto di Alitalia o della partecipazione a un suo finanziamento, i russi non hanno mai smentito l'interesse a una partnership industriale, considerando la compagnia italiana un partner complementare, nel quadro delle proprie strategie di sviluppo. Un incontro per "colloqui esplorativi" tra i due vettori era stato fissato gia' per la prima meta' di novembre a Mosca. Le scadenze nel cda della compagna italiana, chiamato ad esaminare le linee guida del nuovo piano industriale, e le incertezze legate fino all'ultimo alla partecipazione di Air France-Klm all'aumento di capitale, hanno pero' imposto uno slittamento.

Tags:
aeroflotalitaliaputin
i più visti
in evidenza
Meteo, fresco? È solo un’illusione Torna l'inferno. Ecco quando

Meteo

Meteo, fresco? È solo un’illusione
Torna l'inferno. Ecco quando


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Nissan JUKE Hybrid: efficienza e basse emissioni ma anche piacere di guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.