A- A+
Economia
Alitalia/ "Manutenzione, gasolio, leasing: ecco che cos'ha scassato i conti"
(fonte Lapresse )
Advertisement

"Il problema di Alitalia? Continua a essere finanziario. I conti sono stati disastrati da contratti di fornitura su manutenzione, carburante e leasing fuori mercato. Un peccato originale che se non sanato non permetterà la sopravvivenza di nessuna aviolinea". Lo spiega ad Affaritaliani.it Antonio Chialastri, comandante di Airbus A-320 dell'ex compagnia di bandiera e autore dell'intervista televisiva "I 10 falsi miti su Alitalia", intervistato nel giorno in cui l'amministratore delegato della newco Ita Fabio Lazzerini ha annunciato in un'audizione alla Camera che il "lancio" dell'aviolinea è previsto il primo luglio. Secondo Chialastri, è necessario rinegoziare prima i contratti per queste voci di costo che nel corso dei decenni hanno zavorrato i conti dell'Alitalia, rendendoli insostenibili.

foto per intervista cagliari
 

Non è stato dunque un problema di costo del lavoro in un carrozzone pubblico...
"Assolutamente no. Le prime quattro voci di costo in un bilancio di una compagnia aerea sono quelli relativi alla manutenzione, al carburante, al leasing degli aerei e al lavoro. Le quattro grandi uscite sono queste. Il gruppo ha sempre pagato il carburante con un contratto di hedging contro le oscillazioni del prezzo del petrolio che ha mantenuto elevato il costo del carburante anche in caso di ribassi. Tutti i costi di leasing sugli aeroplani, poi, sono sempre stati e continuano a essere fuori mercato. La compagnia ha anche sempre sopportato alti costi di manutenzione, funzione che non può essere esternalizzata quando si ha una flotta di oltre 100 aeroplani".

12694386 large
 

E i dipendenti?
"Il costo del personale ammonta al 16,8% del fatturato, percentuale inferiore al 19% di Lufthansa e al 20% di Air France. Le compagnie low cost possono contare su un costo del lavoro più basso solamente perché una parte degli assistenti di volo, degli addetti al check-in o al servizio di rampa viene esternalizzata. Contabilmente, quindi, finisce sotto la voce servizi. Le low cost hanno soltanto meno dipendenti alle dirette dipendenze. In Lufhtansa, poi, il numero di  addetti per aeroplano è di 110, 100 per Air France, in Alitalia invece è circa 90". 

La newco Ita partirà con una dotazione di capitale di 3 miliardi e con una flotta che, secondo le indiscrezioni e le dichiarazioni del governo, sarà ridotta rispetto alla flotta attuale di 103 aerei: si suppone 47 veivoli con 4 mila dipendenti (da 11 mila circa) per rendere la compagnia sostenibile dal punto di vista finanziario e ottenere il disco verde della Dg Comp. Qual è il suo giudizio?
“In Italia non è mai stato fatto un investimento pubblico di 3 miliardi per una compagnia aerea. Ma l’investimento deve servire a creare lavoro, non a distruggerlo. Ai tre miliardi bisognerebbe quindi anche aggiungere i 2,2 miliardi di ammortizzatori sociali per i 7 mila dipendenti in esubero. Il costo complessivo per lo Stato dunque sarebbe in tutto di 5,2 miliardi. Per cosa? Far partire alla fine una mini-compagnia con la metà degli aeroplani e che ha poi poca capacità di crescita sul mercato. Lo Stato deve partire senza fare esuberi: è una soluzione che costerebbe meno”. 

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    alitalianewco itasindacati alitaliafabio lazzerini itacaio alitaliavestager alitalia
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    L'ex di Cristiano Ronaldo va in gol Perizoma e... si toglie il reggiseno

    Wanda, Diletta e... le foto delle Vip

    L'ex di Cristiano Ronaldo va in gol
    Perizoma e... si toglie il reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN

    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.