A- A+
Economia
"Bisogno disperato di modernizzazione": il lavoro secondo Marco Biagi

E' il 19 marzo del 2002: Marco Biagi viene freddato a Bologna. Sono passati 12 anni e le idee contenute nel suo libro bianco sono sull'agenda del governo. Nella direzione indicata dal professore emiliano.  

"La Legge Biagi è ancora oggi uno strumento moderno e lungimirante che racchiude in sé forti potenzialità e importanti intuizioni - dichiara la presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine Marina Calderone - . La flessibilità in entrata, da applicare ad un mercato del lavoro rigido come quello attuale, è un passaggio fondamentale per lo sviluppo. Ma serve anche dare sostegno agli imprenditori creando le condizioni per un rilancio della produzione e, quindi, dell'economia. Perché l'occupazione non si crea per decreto, ma arriva dall'evoluzione del lavoro autonomo. Dare ossigeno alle imprese deve essere un imperativo categorico, così come liberare il lavoro da vincoli e liturgie".

Imagoeconomica 694408Giuliano PolettiGuarda la gallery
 
"Renzi liberalizza il precariato". Leggi l'intervista a
Michele Tiraboschi, direttore del centro studi Marco Biagi

Il 21 novembre 2001, 4 mesi prima di morire, Biagi parla durante il Congresso nazionale dei consulenti del lavoro. Racconta di un legislatore che "tende a nascondersi", mette l'accento sull'Europa e invoca "un bisogno disperato di modernizzazione del mercato del lavoro". Un messaggio attualissimo. Che dice molto della lungimiranza di Biagi e di quanto tempo l'Italia abbia sprecato. 

IV Congresso Nazionale CDL

Tags:
marco biagilavororiforme
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.