A- A+
Economia

Sanzioni Antitrust ai tre principali operatori telefonici per un totale di quasi 1,5 milioni. L'Autorita' ha irrogato, rispettivamente, una multa di 400mila euro a Telecom e una di 500mila a Vodafone, per aver adottato pratiche commerciali scorrette in occasione della trasformazione dei cosiddetti "servizi di reperibilita'" ("Lo sai" e "Chiamaora" nel primo caso e "Chiamami" e "Recall" nel secondo) da gratuiti in servizi a pagamento. La scorrettezza della condotta, secondo l'Antitrust, consiste nell'aver mantenuto attivi questi servizi sulle sim vendute prima del 14 giugno 2014, anche dopo la loro trasformazione in onerosi, imponendo ai clienti l'acquisizione implicita del consenso a fruirne se non avevano provveduto di propria iniziativa a disattivarli. Ai sensi del Codice del Consumo, queste condotte sono state ritenute pratiche commerciali di per se' aggressive, consistenti in forniture non richieste. L'Agcm ha irrogato inoltre una sanzione di 150mila euro a Vodafone, per una violazione del diritti previsti dallo stesso Codice in attuazione della direttiva europea "Consumer Rights". Per le sim commercializzate dopo l'entrata in vigore della nuova normativa, l'operatore ha adottato infatti una modulistica che prevede l'acquisizione implicita del consenso del cliente a sostenere il costo supplementare per i servizi di reperibilita'.

In un terzo provvedimento, l'Antitrust ha sanzionato Wind Telecomunicazioni con una multa di 250mila euro per un'altra pratica commerciale scorretta: l'attivazione unilaterale di un servizio oneroso denominato "Service card" a carico dei clienti di telefonia mobile. Si tratta, secondo l'Agcm, di una pratica aggressiva che consiste nell'aver esercitato una pressione tale da limitare considerevolmente la liberta' di scelta e di comportamento dei consumatori. Gli stessi operatori, infine, sono stati coinvolti in altri tre procedimenti relativi alla distribuzione degli elenchi telefonici cartacei. Questo servizio - com' noto - e' stato escluso dagli obblighi di fornitura dal decreto legislativo 70 del 2012. La condotta oggetto delle verifiche dell'Autorita' e' consistita nell'omissione informativa sulla possibilita' di rinunciare alla fornitura degli elenchi e quindi all'addebito in bolletta dell'importo relativo. L'Antitrust, concludendo l'istruttoria, ha ritenuto di accogliere gli impegni di Vodafone e Telecom, in ordine alla comunicazione di tale facolta', tramite web o fattura, a beneficio dei consumatori. E' stata sanzionata invece Wind, per la pratica commerciale relativa ai vecchi abbonati e poi ai nuovi, per i quali l'operatore non prevede l'acquisizione del consenso espresso al pagamento di un costo supplementare per il servizio di distribuzione degli elenchi. Multa di 95mila euro per l'omissione informativa e di 100mila per la violazione dell'art. 65 del Codice del Consumo riguardante i nuovi abbonati.

Tags:
antitrust
i più visti
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting


casa, immobiliare
motori
FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.