A- A+
Economia

 

liberation arnault

In fuga dal fisco francese, il miliardario Bernard Arnault è ancora alla ricerca di una nuova patria. Il procuratore di Bruxelles incaricato di pronunciarsi sulla domanda di naturalizzazione ha dato parere contrario. I critici, accusano il patron di Lvmh di voler cambiare Paese solo per fini fiscali. Non è un caso che la domanda di Arnault sia partita poco dopo la vittoria presidenziale di Hollande (e la sua tassa sui super-ricchi). Un "esilio" che era costato al miliardario francese il duro attacco di Liberation, che in prima pagina aveva intimato: "Casse-toi riche con", vattene ricco coglione.

Per Arnault, nonostante il parere contrario (ma non vincolante) dei magistrati, non è detta l'ultima parola. La decisione spetta al Comitato di naturalizzazione della Camera dei Deputati. Il procuratore belga aveva già emesso un primo parere negativo all'inizio di gennaio perché l'uomo d'affari non poteva provare di aver risieduto in Belgio per il periodo richiesto, almeno tre anni.

Per ora, l'imposta del 75% sui redditi superiori al milione di euro sembra tramontata. Ma Hollande ha promesso di tornare sulla questione. Una prospettiva che non ha fatto demordere Arnault. Il numero uno di Lvmh è ormai, insieme al nuovo "russo" Gerard Depardieau (che dopo il rifiuto belga si è rifugiato in Cecenia), il simbolo della lotta dei ricchi contro Hollande. 



 

Tags:
arnaultfiscofrancialusso
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.