A- A+
Economia
Atlantia, il report ignorato dal 2014: “Il Ponte Morandi è a rischio crollo”

Riceviamo e pubblichiamo

In relazione a quanto pubblicato oggi da un importante quotidiano nazionale Autostrade per l’Italia, al fine di evitare errori di interpretazione sui contenuti e sulle finalità del sistema di risk management di gruppo, precisa che come ogni altra grande società dispone di una procedura strutturata di gestione preventiva del rischio, nella quale vengono individuati e valutati i potenziali rischi a cui è soggetta la società. Il Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l’Italia definisce quindi ad inizio anno la propensione al rischio tollerabile per ogni area aziendale e a fine anno recepisce dal risk officer l’avvenuto rispetto da parte dei dirigenti responsabili - che devono mettere in atto ogni azione preventiva per la gestione di ogni specifico rischio - delle linee guida individuate.Per quanto riguarda l’area dei rischi operativi, nella quale rientrava anche la scheda del Ponte Morandi, il Consiglio di Amministrazione di Autostrade per l’Italia ha sempre espresso l’indirizzo di mantenere la propensione di rischio al livello più basso possibile. Diversamente dall’interpretazione fornita dall’articolo, ciò significa in realtà che la società non è quindi in alcun modo disponibile ad accettare rischi operativi sulle infrastrutture. Di conseguenza, l’indirizzo del Consiglio di Amministrazione alle strutture operative è di presidiare e gestire sempre tale tipologia di rischio con il massimo rigore, adottando ogni opportuna cautela preventiva.

Da Atlantia, la holding della famiglia Benetton che gestisce il business autostradale, hanno sempre sostenuto che fino al crollo del ponte Morandi di Genova, nessun report di Spea, la società controllata da Autostrade che si occupa del monitoraggio della rete autostradale, aveva mai messo in allarme il gruppo. Ma ora, secondo quanto scrive Repubblica, nei documenti sequestrati dalla Guarda di Finanza, la Procura ha trovato un documento del 2014 che per la prima volta svela il "rischio crollo" per il Ponte Morandi.



Un “documento di programmazione del rischio”, stilato dall’apposito Ufficio Rischio di Aspi, e passato dai vari consigli di amministrazione, sia di Autostrade che di Atlantia, che dal 2014 al 2016 sul “Morandi” parla  esplicitamente di “rischio crollo”, ma che dal 2017, a sorpresa, cambia la dicitura con “rischio perdita stabilità”. Dicitura che, sempre secondo quanto spiega Repubblica, non significa che il ponte crolli, ma che il cattivo stato della infrastruttura si può risolvere con una lesione che si apre e che comporta la limitazione del traffico.

Il rischio crollo comporta invece l’immediata chiusura della struttura. Inoltre, oltre alle intercettazioni dei manager di Autostrade che rivelano come i monitoraggi di Spea sulla rete fossero edulcorati per esigenze di costo, gli inquirenti hanno rilevato che dal 2014 in poi le polizze assicurative sul viadotto genovese erano aumentate notevolmente. Nonostante nel 2017 il rischio (fino al crollo del 2018) fosse stato declassato, come messo nero su bianco dai report. Che bisogno c'era quindi di assicurarsi sempre di più?

Loading...
Commenti
    Tags:
    atlantiaautostradeponte morandi
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Al bancomat per prelevare 500 € "Perché che ce devi fà?"

    L'ironia della rete

    Al bancomat per prelevare 500 €
    "Perché che ce devi fà?"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Dopo il coronavirus, Ariya nuova in casa Nissan

    Dopo il coronavirus, Ariya nuova in casa Nissan

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.