A- A+
Economia
Banca Mediolanum, è morto a 81 anni il fondatore Ennio Doris

Ennio Doris è morto, il fondatore di Banca Mediolanum si è spento a 81 anni

E' morto Ennio Doris, fondatore e presidente onorario della Banca Mediolanum. "Si è spento questa notte alle ore due e dodici minuti, all’età di 81 anni, Ennio Doris, fondatore e presidente onorario di Banca Mediolanum. - si legge in una nota della banca - Ne danno il triste annuncio la moglie Lina Tombolato e i figli Sara e Massimo.

Tutti i Family Banker, i dipendenti e i collaboratori di Banca Mediolanum si stringono uniti e partecipi attorno alla famiglia Doris e, con enorme commozione, rendono omaggio a Ennio Doris, grande uomo e straordinario imprenditore. In questi giorni di lutto la famiglia Doris desidera mantenere uno stretto riserbo che chiediamo di voler rispettare".

A Piazza Affari, che è rimasta fredda alla notizia dela scomparsa del fondatore, al suono della campanella il titolo Banca Mediolanum sale del 2,4%.

Ennio Doris - nato a Tombolo, nel padovano, il 3 luglio del 1940 - per oltre quarant'anni è stato indiscusso protagonista della grande finanza italiana nonché imprenditore, banchiere e fondatore appunto di Banca Mediolanum. Nel 1992 gli viene conferita l'Onorificenza di Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana e nel 2002 quella di Cavaliere del Lavoro.

Dal 1996 è stato amministratore delegato di Mediolanum, holding del Gruppo, sino al 2015, anno della fusione per incorporazione in Banca Mediolanum. Fino a allo scorso 3 novembre, Ennio Doris ha ricoperto la carica di presidente di Banca Mediolanum, giorno nel quale è stato nominato presidente onorario. Dal 2000 al 2012 ha ricoperto la carica di consigliere in Mediobanca e di Banca Esperia. Sposato dal 1966 con Lina Tombolato, lascia due figli - Massimo e Sara - e sette nipoti: Agnese, Alberto, Anna, Aqua, Davide, Luna Chiara e Sara Viola.

Ennio Doris, l'amico Silvio Berlusconi: "Grande italiano, mi mancherà molto"

"Ci ha lasciato Ennio Doris. Un grande uomo, un grande imprenditore, un grande patriota, un grande italiano". Cosi' Silvio Berlusconi in una nota di cordoglio per la scomparsa di Ennio Doris. "Un uomo generoso, altruista, sempre attento agli altri, sempre vicino a chi aveva bisogno. Ci manchera' molto, mi manchera' moltissimo. A Massimo, a Sara, a Lina la mia vicinanza e tutto il mio affetto". 

"La scomparsa di Ennio Doris ci lascia sgomenti. stato un imprenditore geniale, il piu' corretto e leale dei partner, cui tutto il gruppo Fininvest deve moltissimo. Per me e' stato anche un punto di riferimento insostituibile e ha rappresentato un meraviglioso insegnamento". E' quanto dichiara in una nota il presidente di Fininvest Marina Berlusconi per la scomparsa di Ennio Doris. "Non potro' mai dimenticare il modo in cui concepiva la vita e il lavoro, la generosita', la capacita', rara, di costruire dal nulla uno dei principali gruppi italiani senza perdere la genuinita' e l'entusiasmo degli inizi. Alla splendida famiglia che ha saputo creare, alla moglie Lina e ai figli Massimo e Sara mi stringo con affetto immenso", ha aggiunto.

Ennio Doris, Patuelli: banchiere illuminato e innovativo

Antonio Patuelli, presidente dell'associazione bancaria Italiana, esprime "il più sincero cordoglio per la scomparsa di Ennio Doris, imprenditore e banchiere illuminato e fortemente innovativo, attento e sensibile contemporaneamente alla crescita aziendale, dei clienti e dei collaboratori. Conserverò forte il ricordo di Ennio - afferma Patuelli in una nota - dei nostri dialoghi sulla cultura e le regole del mercato, per la crescita economica e sociale in una democrazia libera". 

 

GUARDA LA VIDEO-INTERVISTA DEL DIRETTORE DI AFFARI ANGELO MARIA PERRINO A ENNIO DORIS NEL 2018

 

La biografia di Ennio Doris

Ennio Doris nasce a Tombolo il 3 luglio del 1940. Per oltre quarant’anni è stato indiscusso protagonista della grande finanza italiana nonché imprenditore, banchiere e fondatore di Banca Mediolanum, una delle più importanti realtà del panorama bancario nazionale presente anche in Spagna, Germania e Irlanda.

Sposato dal 1966 con Lina Tombolato, lascia due figli - Massimo e Sara - e sette nipoti: Agnese, Alberto, Anna, Aqua, Davide, Luna Chiara e Sara Viola. Nel 2002 consegue il Master honoris causa in “Banca e Finanza” della Fondazione CUOA.

Dal 2000 al 2012 ha ricoperto la carica di Consigliere in Mediobanca S.p.A. e di Banca Esperia S.p.A. Dal 1996 è stato Amministratore Delegato di Mediolanum S.p.A, holding del Gruppo, sino al 2015, anno della fusione per incorporazione in Banca Mediolanum. Fino a allo scorso 3 novembre 2021 Ennio Doris ha ricoperto la carica di Presidente di Banca Mediolanum, giorno nel quale è stato nominato, a seguito di delibera assembleare, Presidente Onorario. Ennio Doris ricopriva altresì la carica di Presidente Onorario di Fondazione Mediolanum Onlus.

 

Ennio Doris e il celebre spot: "La banca costruita intorno a te"

 

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    banca mediolanumennio doris
    i più visti
    in evidenza
    CR7-Manchester, divorzio vicino Georgina mostra il pancione

    Le foto

    CR7-Manchester, divorzio vicino
    Georgina mostra il pancione


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis celebra il suo primo anno di successi

    Stellantis celebra il suo primo anno di successi

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.