A- A+
Economia
Bankitalia: ripresa è debole e incerta. "Tagliare tasse su lavoro e imprese"

Il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni e il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, insistono nei loro interventi (uno inviato, l'altro in diretta) al convegno Assiom Forex di Roma sulla responsabilità della finanza verso il mondo reale. Saccomanni la sprona a unire le forze con la politica - rappresentata dai governi - perché si dia "sostegno all'economia reale". Gli fa eco dopo poco Visco, per il quale "il sistema finanziario deve riguadagnare, anche da noi, la fiducia del pubblico, erosa dagli eccessi che, generati sopratutto in altri Paesi, hanno portato a una crisi globale dai costi enormi".

Visco e Saccomanni si sono soffermati sull'analisi della situazione attuale dell'Italia e dei mercati globali. Per Saccomanni "i mercati finanziari continuano ad essere agitati dalle tensioni sugli andamenti attesi dei tassi di interesse e dei cambi sulle principali monete dei Paesi industrializzati ed emergenti". In questa situazione volatile, che si è confermata sulle Borse anche nell'ultima settimana, una pedina di stabilità è la moneta unica. "E' in queste circostanze che si conferma il ruolo fondamentale dell'euro come scudo protettivo rispetto alle possibili conseguenze che in sua assenza avrebbero patito le economie degli Stati dell'Unione europea", sottolinea Saccomanni.

Nonostante i Paesi emergenti abbiano generato qualche timore sulle Piazze finanziarie, per il ministro "le turbolenze valutarie sono ormai un ricordo del passato, ma resta viva l'esigenza di orientare i mercati finanziari su obiettivi di stabilità e di sostegno forte all'economia reale e all'investimento produttivo. E' un impegno - ha aggiunto Saccomanni - che deve vedere affiancati tanto le autorità di governo e monetarie quanto gli operatori dei vari segmenti di mercato".

Visco ha invece attaccato lanciando un allarme sul livello di disoccupazione, sottolineando che siamo "ai livelli più alti dagli anni Cinquanta" e guardando ai "giovani, i più colpiti dalla crisi". Anche il governatore ha messo in luce il legame tra banche e industria: gli istituti non devono far "mancare il finanziamento a chi lo merita e partecipa al rischio". Anche per cercare di ristrutturare il credito, la Banca d'Italia "non esclude" un intervento "ambizioso" per una bad bank di sistema - di cui si parla assai in questi giorni - oltre agli interventi privati in corso che vanno "nella giusta direzione".

Sull'andamento economico complessivo il ritornello non varia dagli ultimi rilievi: la ripresa è lenta e incerta, serve puntare su lavoro e consumi. Il recupero di competitività dell'Italia ha bisogno "di una strategia di riforma articolata e coerente" e - soprattutto nelle circostanze attuali - "la riduzione del carico fiscale sui fattori della produzione, accompagnata da tagli selettivi di spesa che riducano gli sprechi e da interventi volti a rendere più efficiente l'amministrazione pubblica, può essere determinante per la capacità del sistema di affrontare i cambiamenti necessari". Per quanto riguarda le previsioni, Visco tiene buona la stima di Bankitalia per un +0,75% del Pil nel 2014, che contrasta con il punto percentuale indicato da Palazzo Chigi. L'inquilino di Palazzo Koch sostiene la tesi per cui l'Italia non è "in una situazione di generalizzata riduzione dei prezzi", cioè in deflazione, ma mette in guardia da "un periodo prolungato di variazione dei prezzi al di sotto del livello compatibile con la stabilità monetaria", che "non è desiderabile".

Richiamando il governo alla responsabilità delle riforme ("La fiducia faticosamente riguadagnata non deve essere indebolita dal riaccendersi di timori sulla risolutezza dell'Italia"), Visco difende l'impianto di revisione della governance di Bankitalia, tanto osteggiata in Parlamento soprattutto dal M5S: "La rivalutazione delle quote della Banca d'Italia in mano alle banche contribuirà a sostenere l'offerta di credito".

Tags:
bankitaliaripresadeboledebito
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.