A- A+
Economia
Incubo rallentamento per il Pil. La Bce e la produzione industriale fanno schizzare lo spread

Il dato sulla produzione industriale italiana, tornata a scendere a maggio dell'1,2% rispetto al mese precedente (-1,8% anno su anno) dopo la timida ripresa di aprile e il bollettino mensile della Bce alimentano il pessimismo degli operatori economici e degli investitori circa la congiuntura italiana (dopo il dato negativo del primo trimestre si attende una variazione nulla o ancora negativa nel secondo trimestre). Pessimismo che ha fatto scattare le vendite a Piazza Affari (è il peggior listino d'Europa nella seduta odierna) e sul mercato secondario dei titoli di Stato, con lo spread, la differenza di rendimento tra Btp italiani a 10 anni a Bund tedeschi, che è tornato ad ampliarsi sopra la soglia di 170 punti base, ai massimi dall'affermazione del Partito democratico e di Matteo Renzi con le elezioni europee.

L'Eurotower prevede "una ripresa molto graduale nel secondo trimestre del 2014" e segnala che i "rischi per le prospettive economiche dell'area euro restano orientati al ribasso". In particolare l'istituto di Francoforte teme "i rischi geopolitici nonchè gli andamenti nei paesi emergenti e nei mercati finanziari mondiali" i quali "potrebbero essere in grado di influenzare negativamente le condizioni economiche anche tramite effetti sui prezzi all'energia e sulla domanda mondiale di di beni e servizi provenienti dall'area euro". "Un altro rischio al ribasso è connesso alle riforme strutturali insufficienti nei paesi dell'area euro nonche' a una domanda interna inferiore alle attese".

In sostanza, la Bce cerca di spiegare così il generale rallentamento della crescita del secondo trimestre dell'Eurozona che ha nei dati negativi della produzione industriale di maggio di Germania, la locomotiva d'Europa, Francia e Italia, le principali economie dell'area euro, gli epifenomeni. Per la Bce - che dedica una sezione del suo bollettino alle Pmi e certifica come la contrazione del credito abbia portato a costi di finanziamento molto più alti in Italia e Spagna - i rischi per l'andamento dell'inflazione nell'Eurozona "sia al rialzo sia al ribasso sono limitati e bilanciati nel medio periodo".

Tags:
bceindustria
i più visti
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.