A- A+
Economia


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"E' una decisione da salutare postiviamente". Con queste parole il vice-ministro dell'Economia Enrico Morando, intervistato da Affaritaliani.it, commenta l'imminente operazione di Qe, il piano di acquisto di titoli di Stato, da parte della Bce. "Quella del presidente Draghi è una iniziativa volta a scongiurare il rischio maggiore che è quello della deflazione. Si tratta di una malattia che i governi nel corso della storia hanno curato male quando si è istaurata nel corpo delle nostre economie. Tutti sappiamo come curare la malattia dell'inflazione eccessiva, ma sulla deflazione sappiamo molto meno come intervenire e abbiamo esperienze di scarso successo. Ci possono anche essere altre conseguenze ma per favorire la crescita e per ridurre l'eccessiva disoccupazione non basta la politica monetaria. E' importante che la Bce si muova per combattere la deflazione ma il resto dipende dalle politiche dei governi dal mutamento delle politiche fiscali Ue nel loro complesso. Alla luce dell'intervento positivo della Bce i governi nazionali devono ora accelerare su interventi di politica ecomica e fiscale e sulle riforme strutturali. Quello che poteva fare la Bce lo ha fatto".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bcedraghimorando
i più visti
in evidenza
Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

Che cosa accadrà il prossimo anno

Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
Nostradamus, le profezie 2022


casa, immobiliare
motori
Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.