A- A+
Economia
Borsa/ Banco, Saipem, Ovs e Unieuro: la "Caporetto" dei ribassisti

Ieri è stata una “Caporetto” per i ribassisti di tutto il mondo. Il violento e corale strappo verso l’alto delle Borse, sull’onda del piano da 2mila miliardi di dollari del Tesoro americano per sostenere l’economia Usa e del maxi bazooka della Federal Reserve, ha preso di sorpresa tutti quei fondi che avevano posizioni corte sulle azioni, cioè scommettevano sul ribasso. Il volo verso l’alto di pressochè tutti i titoli produrrà perdite a chi aveva montato nei giorni scorsi posizioni shortIl copione è andato in scena anche a Piazza Affari tagliando le unghie (momentaneamente) a questi investitori. 

Banco BPM Gruppo APE
 

BANCOBPM IL BERSAGLIO PREFERITO

Il titolo più “shortato” a Milano è BancoBpm: i ribassisti hanno posizioni sul 4,5% dell’intero capitale. L’ultimo a montare posizioni è stato il fondo Marshall Wace che solo venerdì 20 marzo ha montato una posizione short sull’1,3% del capitale della banca. Il rialzo ieri del 6,5% di BancoBpm ha per ora vanificato la scommessa. 

LE POSIZIONI SU SAIPEM

Un bersaglio storico e strutturale di chi prevede un calo del titolo è Saipem. In difficoltà da anni sui bilanci e debole in Borsa ormai da 4 lunghi anni, è un bersaglio facile per chi scommette al ribasso. Tanto più ora che il prezzo del greggio è tracollato e rende meno profittevole il business della ricerca di nuovi pozzi. Su Saipem il capitale shortato tra il 9 marzo e il 17 marzo era del 4,2%. In altri tempi la scommessa all’ingiù aveva pagato. Di recente meno, dato che dal 12 marzo Saipem è salita del 20%, prendendo per ora in contropiede i ribassisti. 

stefano beraldo ovs ape
L'amministratore delegato di Ovs Stefano Beraldo

OVS E UNIEURO

Altro titolo bersaglio facile dei professionisti del ribasso è Ovs. Sul titolo della catena di abbigliamento ci sono attualmente posizioni corte per il 3,2% del capitale. L’ultima aperta venerdì 20 marzo dal fondo Worldquant sullo 0,64% delle azioni: dal 10 al 16 marzo si erano attivati i fondi Capital Fund; Caxton e Sylebra. Ovs soffre particolarmente la chiusura dei suoi punti vendita e lo stesso amministratore delegato della catena di abbigliamento, Stefano Beraldo, ha chiesto espressamente misure pubbliche per il sostegno al commercio al dettaglio, che vedrà i ricavi e la liquidità fortemente penalizzati dallo stop alle attività. 

Massiah Victor1
L'amministratore delegato di Ubi Victor Massiah

Ovs nell’ultimo mese ha lasciato sul campo quasi la metà del suo valore. Ci sono anche le banche tra i soggetti preferiti: posizioni ribassiste storiche le hanno Banco Bpm (il 4,2%) ma anche Ubi banca (il 2,2% delle azioni sono shortate) e Bper (il 2,9%). 

Tra i dettaglianti, oltre a Ovs, ecco spuntare Unieuro la catena di prodotti informatici che ha capitale shortato per l’1,3% con posizioni aperte tra il 20 e il 23 marzo dai fondi Worldquant e Citadel

L’ATTIVISMO DI CITADEL

Quest’ultimo è particolarmente attivo sul mercato italiano con posizioni al ribasso su molti titoli: da Azimut a Banca Generali; da BancoBpm a Saipem e Unieuro

ALberto vacchiL'amministratore delegato di Ima Alberto Vacchi
 

IL FLOP DEI RIBASSISTI SU FINECO E IMA

Qualche scommessa pare avventata come quella di Aqr Capital management montata su Fineco il 20 marzo scorso sull’1,65% del capitale. Fineco ieri è salita del 10% in una sola seduta. Ma anche Ima, titolo dai fondamentali solidi ha visto una scommessa all’ingiù tra il 16 e il 19 marzo per l’1,9% del capitale da parte di tre fondi. Gli è andata male. Il titolo della multinazionale degli imballaggi è salito da 44 euro del 19 marzo ai 58 euro di ieri. 

LA TOCCATA E FUGA DI BRIDGEWATER SU ENI, ENEL E INTESA

Ed ecco comparire o meglio dileguarsi il re degli hedge fund, quel Bridgewater, il fondo di Ray Dalio che aveva puntato forte sul ribasso delle Borse nel marzo del 2020. Il fondo di Dalio aveva aperto tre posizioni corte su tre grandi titoli italiani. Eni; Enel e Intesa. Su Eni aveva aperto posizione short il 12 marzo sullo 0,62% del capitale, poi sceso allo 0,48% il 19 marzo. Infine, chiusa la posizione.

EniClaudioDescalzi (20)
L'amministratore delegato dell'Eni Claudio Descalzi
 

In Enel il 9 marzo Bridgewater aveva puntato le sue cartucce ribassiste sullo 0,51% delle azioni. Posizionechiusa venerdì scorso. Infine, Intesa con l’operazione short montata il 9 marzo sullo 0,62% del capitale e ora alleggerita allo 0,51% alla data di lunedi 23 marzo.

Su Eni è andata male: dal 12 al 19 marzo il titolo petrolifero è salito. Se non avesse chiuso la posizione avrebbe perso ancor di più dato che solo martedì 24 marzo Eni è volata all’insù del 15%.

Su Enel è andata meglio e Bridgewater ha finito per guadagnarci. Anche su Intesa il fondo di Dalio è andato in guadagno. Fino a lunedì 23 marzo però. Non si sa se da lunedì sera il fondo abbia o meno chiuso la sua posizione speculativa al ribasso. Se non l’ha fatto rischia di perderci dato che ieri Intesa è volato verso l’alto del 9%. Lo si saprà con certezza solo dalle prossime comunicazioni Consob.

Loading...
Commenti
    Tags:
    borsa milanopiazza affariribassistishort sellervendite allo scopertofondo bridgewaterray dalioblackrock
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Salvini: chiese aperte per Pasqua Da sola la scienza non basta

    Coronavirus vissuto con ironia

    Salvini: chiese aperte per Pasqua
    Da sola la scienza non basta


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    5 diverse tipologie di propulsione per la nuova Seat Leon

    5 diverse tipologie di propulsione per la nuova Seat Leon

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.