Error processing SSI file
A- A+
Economia

Le borse europee chiudono in calo a causa dell'andamento negativo di Wall Street, che ha dato una direzione a una seduta altalenante. Sui listini continua a pesare lo 'shutdown', l'interruzione di larga parte delle attivita' della pubblica amministrazione Usa, giunta ormai al terzo giorno, in seguito alla mancata approvazione della legge di bilancio. Resiste Londra, dove l'indice Ftse 100 avanza dello 0,18% a 6.449,04 punti. Il Dax di Francoforte cede lo 0,37% a 8.597,91 punti, l'Ftse Mib perde lo 0,44% a 18.018,22 punti, il Cac 40 di Parigi arretra dello 0,73% a 4.127,98 punti, l'Ibex di Madrid segna -0,58% a 9.295,7 punti.

Piazza Affari, partita in rialzo in scia all'esito positivo del voto di fiducia al governo Letta, ha invertito la rotta sui timori legati allo 'shutdown'. Sul listino, in ordine sparso le banche; bene Telecom (+1,66%) mentre e' in corso il cda che ha gia' preso atto delle dimissioni del presidente, Franco Bernabe'. Su Finmeccanica (+2,97%) ma sotto i massimi; scende Fiat, contrastati gli energetici.

Finale di seduta in lieve allargamento per lo spread tra Btp decennali e omologhi tedeschi, che segna 257 punti per un tasso del 4,37%. Il differenziale Bonos/Bund si attesta a 245 punti per un rendimento del 4,24%.

Se l'Italia fa meno paura ai mercati, il report dell'agenzia di rating Moody's sul nostro Paese ha però raffreddato  gli entusiasmi degli investitori circa le prospettive di Roma. La fiducia a Enrico Letta "è il miglior risultato possibile" ma "le turbolenze politiche dell'ultima settimana mettono in evidenza la fragilità del governo che può ritardare le riforme di bilancio e strutturali", hanno scritto gli analisti a stelle e strisce.

"Ci aspettiamo che l'Italia non riesca a centrare il target di un deficit/Pil al 3% nel 2013", hanno poi sentenziato da Moody's. "L'Italia - ha osservato infatti l'agenzia di rating - è uscita dalla procedura d'infrazione del deficit quest'anno, dopo aver ridotto il deficit al 3% del Pil nel 2012 dal 5,5% del Pil nel 2009 ma l'instabilità politica ha effetti negativi sulla capacità del governo di procedere con le riforme strutturali e di bilancio".

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
borsamercatipiazza affari
i più visti
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro

Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.