A- A+
Economia
Rimbalzo per le borse europee. Lo spread scende a 170 punti

Le borse europee centrano il rimbalzo. All'indomani del giovedì nero dei listini del Vecchio Continente, con Piazza Affari che a causa dei pessimi dati sul Pil italiano ha perso il 3,61% e lo spread è balzato oltre quota 180, i mercati azionari archiviano la seduta in rialzo  al termine di una seduta in cui gli indici hanno ondeggiato sopra e sotto la parità. A fine contrattazioni il Ftse Mib di Piazza Affari mostra un rialzo dell'1,12 per cento. Bene anche l'Ibex 35 di Madrid (+1,1%), Londra e Parigi chiudono poco sopra la parità mentre Francoforte (-0,47%) e Amsterdam (-0,3%) restano in ribasso.

Segnali contrastanti sono arrivati dal settore immobiliare Usa. Bene l'immobiliare: i nuovi cantieri sono cresciuti ad aprile del 13,2% a un milione e 70mila unità oltre le stime del consensus S&P Capital IQ (un milione e 50mila) e ai massimi da novembre. Bene anche i permessi edilizi passati da un milione a un milione e 80mila unità (le attese erano per una crescita più contenuta a un milione e 20mila). Male invece la fiducia dei consumatori l'indice calcolato da Reuters e dall'Università del Michigan ieri è sceso da 84.1 a 81.8 punti in aprile. Peggio delle attese degli analisti che avevano messo in conto un leggero rialzo a 84.5.

Sul fronte obbligazionario il differenziale di rendimento tra Italia e Germania è balzato in apertura fino a quota 186 punti salvo poi ripiegare fino a 170. Nel complesso l'ondata di vendite che si è abbattuta giovedì sui titoli dell'Europa periferica, effetto soprattutto delle prese di beneficio, pare essersi esaurita. «Le scommesse su una svolta espansiva di politica monetaria da parte della Bce continuano ad essere una buona ragione per per comprare bond dei periferici» spiega Ioannis Sokos, strategist per il reddito fisso di Bnp Paribas.

A Piazza Affari il settore bancario riprende quota (qui il grafico dell'indice Ftse Italia Banche). Da segnalare Intesa Sanpaolo dopo  la trimestrale brillante e la promozione degli analisti di Credit Suisse che hanno alzato il prezzo obiettivo da 2,8 a 2,9 euro per azione portando il rating sul titolo a "outperform". Bene Bper. L'agenzia Standard&Poor's - ha fatto sapere la banca - ha messo sotto osservazione il rating per un possibile "upgrade" (rialzo) del merito di credito a lungo termine attualmente a "BB-". La decisione dell'agenzia di rating è seguita all'annuncio della banca di voler procedere a un aumento di capitale fino a un massimo di 750 mln di euro.

Tra i migliori si segnala Moncler dopo la pubblicazione della trimestrale che ha visto la società, che ha debuttato lo scorso anno a Piazza Affari, riportare risultati migliori delle attese. I ricavi sono stati pari a 145,4 milioni contro i 142,4 attesi dal consensus degli analisti di S&P Capital IQ, il margine operativo lordo, che era atteso a 43,08 milioni, è stato di 45 mentre l'utile netto è stato pari a 23,5 milioni, quasi tre in più del previsto.

Restando nel comparto abbigliamento va bene, per le stesse ragioni, Geox che ha fatto meglio delle stime sul fronte dei ricavi (268,4 milioni contro i 266 attesi) e risultato netto (10,047 milioni contro gli 8,6 attesi dagli analisti).

Tags:
borsamercatispread
S
i più visti
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.