A- A+
Economia
Quattrosoldi / Fannie Mae, il titolo top del 2013. Le occasioni in Piazza del 2014
Borsa affari

L'investimento migliore del 2013? Se si escludono i Bitcoin, valuta "virtuale" utilizzata nelle transazioni sul web il cui cambio a inizio anno oscillava attorno ai 14 dollari Usa ed ha poi toccato un picco di 1.203 dollari, prima di calare attorno agli 860 dollari attuali (segnando pur così un astronomico +6.042% da inizio 2013), non è stato Twitter, autore dell'Ipo più celebrata dell'anno e passato in poche settimane dai 26 dollari del collocamento a 55,33 dollari (+112,8%), nè Tesla Motors, produttore di vetture elettriche assurto all'onore delle cronache che pure ha visto triplicare le quotazioni (+335,4%), ma Fannie Mae.

I titoli azionari dell'agenzia semigovernativa che concede mutui a tassi agevolati avevano chiuso il 2012 a 26 centesimi per azione, ma la ripresa del mercato immobiliare e la graduale risalita dei tassi sui nuovi mutui ha fatto schizzare le quotazioni agli attuali 2,75 dollari, pari ad una performance del 957%. C'è da dire che Fannie Mae, che con la gemella Freddie Mac controlla i due terzi del mercato dei mutui immobiliari statunitense, aveva visto le proprie  quotazioni crollare del 98% durante la crisi finanziaria del 2008, tanto che il Tesoro Usa dovette rilevarne l'80% (tuttora posseduto) per evitarne il fallimento.

Tra le azioni dei paesi emergenti, che quest'anno hanno regalato poche soddisfazioni agli investitori a causa dei timori di un irrigidimento della politica monetaria statunitense, ha spiccato Chongqing Changan Automobile ("Chana"), quinto maggiore produttore automobilistico cinese che grazie alla crescita del mercato domestico ha visto i propri titoli balzare da 6,65 a 12,60 yuan per azione, con un guadagno di quasi il 90%. Al confronto il 18% di guadagno messo a segno dal gas naturale (quest'anno la migliore materia prima) pare ben misera cosa, così come sembrerebbe esserlo quello dell'indice Eurostoxx50 (+16% circa), paniere che al suo interno ha peraltro visto andamenti molto diversi dei singoli componenti, con Eads in grado di guadagnare quasi l'82% nell'ultimo anno e Rwe in calo del 16,8% nello stesso arco di tempo.

Performance in ordine sparso anche per i titoli azionari italiani: se Fondiaria-Sai, la più apprezzata "storia di ristrutturazione" dell'anno, è prima con un rialzo del 117%, davanti a Mediaset (+96% circa) e A2A (+86%, col titolo sotto i riflettori anche in questi giorni dopo il cambio di governance varato dai Comuni di Milano e Brescia, che nel 2014 collocheranno in borsa un ulteriore 5,12% del capitale dell'azienda elettrica), in fondo all'indice Ftse Mib sono finite Saipem (-50% a causa dei "tonfi" primaverili, ma il titolo è in recupero dalla scorsa estate), Mps (-26,5% dopo un anno vissuto sull'ottovolante, in questo caso a causa di un calo del 25% segnato nell'ultimo mese) e Bpm (-10% da inizio anno complice lo stallo sulla governance).

Nel complesso il 2013 si è rivelato un anno più selettivo del 2012 per l'azionario, oltre ad essere stato un anno decisamente povero di soddisfazione per i bond se non, in parte, per i Btp italiani, che hanno visto il rendimento sul decennale scivolare dal 4,50% di inizio anno al 4,10% oscillando tra un minimo del 3,90% a fine maggio e un massimo del 4,68% a fine giugno. Merito (o colpa) della sensazione crescente che il periodo del "denaro facile" pompato dalla Federal Reserve e dalle principali banche centrali europee si stia avvicinando al termine.

Anche se i tassi ufficiali non sembrano destinati a risalire tanto presto (anzi è possibile che restino vicini a zero fino agli inizi del 2015 almeno, dunque un ulteriore anno più del previsto) i mercati hanno iniziato a scontare che, quanto meno, non sarà più la liquidità pompata dai banchieri centrali a dettare legge sui mercati, quanto le prospettive di utile a livello geografico, settoriale e aziendale. Una "normalizzazione" dei mercati che sembra preludere a una "normalizzazione" del ciclo economico e che dovrebbe tradursi in una maggiore crescita nel corso del 2014 sia negli Usa (dove gli analisti si attendono mediamente un Pil che torni a crescere stabilmente attorno al 2,5%), in Giappone e in Europa.

Per questo da Societe Generale a Dexia, da Oddo al Credit Suisse, quasi tutte le case d'investimento europee sembrano molto fiduciose sulla possibilità che nel 2014 le i titoli azionari europei possano continuare a ben performare, in particolare i settori maggiormente ciclici e meno esposti ai mercati emergenti (il divario in termini di crescita tra questi ultimi e i paesi sviluppati dovrebbe infatti ridursi a vantaggio dei secondi). Tra i nomi più gettonati su cui scommettere si nota anche qualche blue chip italiana: il Credit Suisse, ad esempio, nel consigliare di sovrappesare azioni della "periferia" europea, segnala come sembrino ancora poco costosi, tra gli altri, i titoli di Bper, Danieli, Mediobanca, A2A, Fiat, Banco Popolare e Unipol.

Sempre la casa d'investimento svizzera consiglia di restare sovrappesati in Italia (preferendo il Bel Paese, e le sue banche, alla Spagna) ed attribuisce un rating "outperform" (farà meglio del mercato) a Mediaset, Snam e Prysmian. Sempre secondo gli esperti rossocrociati nei portafogli per l'anno prossimo la componente bond dovrà essere gestita in modo molto selettivo: anche in questo caso nella "lista degli acquisti" spuntano un paio di nomi italiani: il bond Intesa Sanpaolo 3% - gennaio 2019 e il bond UniCredit  5,75% - ottobre 2025.

Il primo tratta poco sopra quota 100, il secondo oscilla appena sopra 101,5, tutto sommato prezzi ancora interessanti per bond di buona qualità e dai rendimenti superiori a quelli dei titoli di stato di durata simile: il Btp marzo 2019 quota ad esempio attorno a 108,3 e offre una cedola del 2,25%, il Btp marzo 2026 oscilla a 103,2 a sua volta con una cedola del 2,25%, con un ritorno attorno al 2,65% e al 3,65% rispettivamente. Tutto sommato un buon modo per difendere il capitale vista la perdurante assenza di inflazione, ma se volete aumentare i vostri risparmi, fisco permettendo, vi converrà anche l'anno prossimo osare di più, possibilmente senza spingervi a speculare sui Bitcoin.

Luca Spoldi

Tags:
borse
i più visti
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.