A- A+
Economia
fornero giovannini 500

Sessantasei sono troppi: questa riforma s'ha da rifare. Il governo Letta ha tempo fino a settembre per modificare la legge Fornero sulle pensioni. Il provvedimento assicura risparmi ma, come ammesso dallo stesso ministro del Lavoro Giovannini, “prevede un contesto economico in crescita". Per ora non è così. E allora si farà mezzo passo indietro. Sarà possibile andare in pensione prima dei 66 anni previsti dalla riforma Fornero, a patto di aver già versato 35 anni di contributi. Si potrà appendere il cartellino al chiodo anche a 62 anni, ma con una pensione più leggera. Le penalità saranno progressive: prima si va in pensione e più forte sarà il taglio della pensione. Dell'8% a 62 anni, del 6% a 63, del 4% a 64. Per chi, al contrario, decidesse di lavorare oltre i 66 anni, ci sarebbe un premio: pari al 2% a 67 anni e al 4% a 68.

I vantaggi sono essenzialmente due. Il primo riguarda i lavoratori, più liberi di scegliere, seppure influenzati da un sistema di premi e punizioni. Il secondo tocca le aziende. In un momento di crisi, sono molte quelle alle prese con ristrutturazioni e snellimenti che spesso richiedono una maggiore flessibilità in uscita. Flessibilità che la riforma Fornero aveva di fatto cristallizzato e che Letta punta a reintrodurre. Anche perché, senza lavoratori che vanno in pensione, diventa più difficile fare spazio all'occupazione giovanile, bandiera del governo di larghe intese.

I problemi però non mancano, a partire dall'equilibrio dei conti statali. La riforma Fornero ha assicurato risparmi per 80 miliardi. Una penalizzazione dell'8% non basta a mandare in pensione un lavoratore mantenendo inalterati i saldi previdenziali. Su ogni stipendio, azienda e lavoratore pagano un'aliquota complessiva del 33%, per cui se l'uscita anticipata (e quindi la fine dei versamenti) non è sostituita da nuovi posti di lavoro (e da nuovi versamenti), i saldi previdenziali peggioreranno. In altre parole: serviranno altri soldi per coprire le pensioni anticipate se non si vuole pesare su un bilancio che, tra Iva, Imu e vincoli europei, offre margini di manovra risicati.

E poi c'è da considerare la volontà dei lavoratori. Con l'introduzione del metodo contributivo (ti spetta quanto hai versato), l'assegno Inps si è ridotto non di poco. La Ragioneria dello Stato ha sottolineato che, in alcuni casi (come per i lavoratori autonomi), la prima pensione è pari alla metà dell'ultima busta paga. Con un assegno da 1000 euro al mese, la decurtazione dell'8% sarebbe pari a 80 euro. Non poco. Siete disposti a comprare quattro anni di riposo per un migliaio di euro l'anno?

 

Tags:
pensionifornerolavoro

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.