A- A+
Economia
carta burocrazia flickr illek08

di Milo Goj

Il settore è indietro rispetto ad altri comparti: eppure una maggiore digitalizzazione porterebbe ad aumenti di fatturato del 10,7% e a riduzione dei costi d'esercizio del 10,5%.

Nell'immaginario collettivo, l'area finanza è quella all'avanguardia nell'utilizzo della digitalizzazione e in generale delle nuove tecnologie. Una “credenza” smentita da una recente ricerca internazionale, da cui emerge che nel settore oltre un processo documentale su tre (37%) è ancora basato su informazioni cartacee. Una media sensibilmente più alta rispetto a diversi altri comparti del business. E' quanto risulta da “Financial Insights Market Spotlight” di IDC, uno studio basato sul white paper (promosso da Ricoh, luglio 2013).

E' vero che in generale ben poche aziende hanno eliminato del tutto (o quasi) l'uso della carta, tuttavia l'area dei Servizi Finanziari è rimasta particolarmente indietro. Secondo gli esperti, invece, potrebbe trarre sostanziosi benefici migliorando la gestione delle informazioni.

Sarebbe comunque ingeneroso affermare che le società di Servizi Finanziari non si siano impegnate per ridurre la carta nei processi di back-office, come risulta anche dallo studio IDC, che ha coinvolto a livello mondiale 1.516 responsabili di processi documentali e information worker. Ora però è arrivato il momento di cogliere nuove opportunità ottimizzando il front-office, per quanto riguarda ad esempio le attività di marketing, l’assistenza clienti, l’attività creditizia e l’acquisizione dei clienti. “Diversamente dalle funzioni di back-office", si afferma nel report, "questi processi coinvolgono direttamente i clienti per cui, se correttamente gestiti, consentono di ridurre i costi e di aumentare il fatturato”.

In particolare, i responsabili dei Servizi Finanziari hanno dichiarato che il miglioramento dei processi rivolti ai clienti potrebbe far aumentare il fatturato del 10,7% e ridurre i costi d’esercizio complessivi del 10,5%.

“Anche se ci sono particolari motivazioni per cui in questo settore molte informazioni nascono cartacee e rimangono tali, le società potrebbero conseguire numerosi vantaggi liberandosi dal peso della carta” conviene Yoshi Sasaki, General Manager, Business Services Center, Business Solutions Group di Ricoh Company, “sviluppando un corretto flusso di lavoro i documenti cartacei possono essere convertiti sin dall’inizio in informazioni digitali. Ci sono importanti opportunità per ridurre i costi e aumentare le vendite e la customer satisfaction”.

Ad esempio, la digitalizzazione dei flussi di lavoro permetterebbe ai dipendenti delle filiali bancarie di offrire ai clienti servizi di maggiore qualità instaurando così rapporti più duraturi e di effettuare operazioni di cross-selling/upselling con un numero maggiore di prodotti.

La finanza ha comunque capito di essere in colpevole ritardo e sta cercando di rimediare. Secondo il white paper di IDC il Settore Finanziario sta investendo complessivamente oltre 7 milioni di dollari così ripartiti: 2,5 milioni per migliorare i processi di marketing/comunicazione con i clienti rispetto a 1,4 milioni di dollari investiti da altri settori; 1,7 milioni per migliorare i processi di apertura di credito rispetto a 1,1 milioni investiti da altri settori; 1,3 milioni di dollari per acquisire clienti rispetto a 819.000 dollari investiti da altri settori; 2,1 milioni di dollari per l’assistenza clienti rispetto a 1 milione di dollari investito da altri settori.

Tags:
cartafinanzabanche

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.