A- A+
Economia
Continua la guerra di Segrate: Cir vuole altri 30 milioni

Altro che ultimo atto. La decisione della Cassazione sul Lodo Mondadori che ha imposto alla Fininvest di risarcire la Cir con 494 milioni di euro non ha messo la parola fine alla trentennale guerra di Segrate. De Benedetti ha infatti citato il gruppo di Berlusconi per quei "danni non patrimoniali" di cui parla la sentenza della Suprema Corte. E ora vuole altri 30 milioni.

Dopo alcune indiscrezioni, il gruppo dell'Ingegnere ha infatti fugato ogni dubbio con un comunicato ufficiale. "Cir conferma di avere avviato presso il Tribunale di Milano - recita la nota - una causa civile contro Fininvest SpA per i danni non patrimoniali subiti nella vicenda del Lodo Mondadori".

''La causa - spiega la società - e' la naturale conseguenza del giudizio di Cassazione del settembre 2013 che, confermando quanto in precedenza gia' deciso sia dal Tribunale sia dalla Corte di Appello di Milano, ha accertato il diritto di Cir al risarcimento anche del danno non patrimoniale, e ne ha rinviato la liquidazione ad apposito nuovo giudizio civile. Cir ha quantificato il danno subito in circa 30 milioni di euro''.

Tags:
cirlodo mondadorifininvest

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.