A- A+
Economia
Confitarma scrive alla ministra De Micheli, la logistica non va interrotta

L’eccezionale situazione determinata dall’emergenza epidemiologica che sta costringendo le  imprese armatoriali  finanche al fermo parziale o totale delle proprie flotte richiede l’individuazione di prime e urgenti misure di sostegno straordinario al comparto dello shipping. Lo sostiene con una lettera al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, il presidente di Confitarma, Mario Mattioli. La confederazione degli armatori sottolinea che il trasporto in generale e quello marittimo in particolare rivestono un’importanza vitale non solo per il funzionamento dell’economia, come i rifornimenti indispensabili di cui il Paese ha bisogno, dalle materie prime liquide e solide ai prodotti finiti, ma anche per i traffici di cabotaggio e per i collegamenti con le isole maggiori e minori, le navi. E i loro equipaggi sono il primo, indispensabile, anello della logistica dei beni di prima necessità, compresi prodotti alimentari, farmaci e dotazioni sanitarie. Logistica che, soprattutto oggi, rileva Confitarma, non può permettersi assolutamente alcuna interruzione.

Queste le richieste al ministro.                                                                                                                                Un intervento eccezionale di sostegno al reddito a favore di tutti i marittimi italiani e comunitari coinvolti in situazioni   di  sospensione o riduzione dell’attività  lavorativa a causa del fermo delle  navi. Tale misura dovrebbe integrare le risorse del Fondo di solidarietà bilaterale del settore, consentendo il superamento dei massimali aziendali di utilizzo.

Al fine di sostenere i collegamenti marittimi che, nonostante il calo dei traffici e le restrizioni al trasporto passeggeri, continuano a garantire l’approvvigionamento di merci, alimenti e medicinali e prodotti strategici per il Paese, Confitarma auspica interventi volti alla riduzione dei costi di approdo delle navi, circostanza che si sta già verificando in altri Stati membri della Ue. Tra questi, in primo luogo l’esonero temporaneo, a far data dall’adozione delle misure restrittive adottate dal governo, dal pagamento dei diritti e altri oneri portuali e, in aggiunta, la compensazione totale, o quantomeno  parziale, delle spese per i   servizi  portuali,  tecnico-nautici e di stiva.  Queste misure, sottolinea Confitarma, si dovrebbero applicare alle navi in servizio di cabotaggio nazionale, ro-ro e ro-ro pax impiegate anche su linee di autostrade del mare internazionali che scalano porti italiani. Infine, la temporanea   esenzione,   totale   o   parziale,   dal   pagamento   dei   canoni concessori dei terminal che operano tali traffici.

Estensione, poi, per un periodo di dodici mesi, alle navi iscritte nelle matricole nazionali e che svolgono attività compatibili con gli orientamenti comunitari in materia di aiuti di Stato ai trasporti marittimi, dell’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali di cui all’art.6 del decreto-legge n. 457/97 convertito in legge n.30/98.

Ancora, finanziamenti  fino a tre anni a valere su  Fondi Cassa depositi e prestiti (Cdp) e con garanzia statale di ultima istanza erogati direttamente dalla Cassa o dalle banche  agenti  in base ad una convenzione, per far fronte all’aumento  dei costi operativi di gestione. Tale  proposta, sostiene Confitarma, prende  spunto  dal decreto “Cura Italia”, che prevede il sostegno alla liquidità delle imprese colpite dall’emergenza epidemiologica “Covid-19” attraverso finanziamenti da parte di Cdp, anche nella forma di garanzia cosiddetta “a prima perdita”.

Sospensione, al fine di adeguare i piani alle mutate contingenze, relativa a qualsiasi  atto processuale, comunicazione, adempimento inerenti a procedure ex art. 161 e 182/bis della legge fallimentare,   giustificata  con l’impossibilità di rispettare i termini previsti dalla legge stante il processo di revisione dei piani e la difficoltà di elaborazione degli stessi.

Confitarma informa infine che si è attivata inoltre con l’Abi al fine di adottare uno schema di accordo che consenta alle imprese  del settore il diritto di “estensione” degli attuali finanziamenti ipotecari   fino   ad   un   massimo   del   100%   della   durata   residua   degli   stessi (compatibilmente   con   la   validità   delle   garanzie   sottostanti).  

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    shippingnaviro.rotrasporto
    i più visti
    in evidenza
    Juventus, è fatta per Vlahovic Alla Fiorentina 75 mln. E Morata...

    Calciomercato

    Juventus, è fatta per Vlahovic
    Alla Fiorentina 75 mln. E Morata...


    casa, immobiliare
    motori
    Renault si aggiudica due premi al Festival Automobile International

    Renault si aggiudica due premi al Festival Automobile International

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.