A- A+
Economia
Conti boom, Nvidia oscura la Fed. L'Italia citata dalla super-star dell'IA

I conti record della star dell'IA mettono in ombra i verbali della Fed

Ieri la pubblicazione dei verbali della riunione della Fed ha suscitato apprensioni. In particolare, dai verbali è emersa la preoccupazione dei membri del FOMC per la mancanza di progressi nella lotta all’inflazione.

Tuttavia, è importante ricordare che la riunione è avvenuta dopo due letture dell'inflazione superiori alle attese, e che l'ultima lettura di aprile, in calo, è stata pubblicata successivamente all'incontro. All'inizio di questo mese, la banca centrale americana ha mantenuto i tassi di interesse al livello più alto degli ultimi 23 anni e ha dichiarato di moderare il ritmo con cui riduce il proprio portafoglio di obbligazioni del Tesoro di 35 miliardi di dollari al mese.

"Alcuni partecipanti hanno indicato che avrebbero potuto sostenere la continuazione dell'attuale ritmo di riduzione del bilancio in questo momento o un limite di riscatto leggermente più alto per i titoli del Tesoro rispetto a quello deciso," si legge nei verbali.

LEGGI ANCHE: Nvidia fa il pieno di ricavi: 26 miliardi di dollari e boom in Borsa (+6%)

Per quanto riguarda l'inflazione, i verbali hanno confermato che questa rimane "più persistente di quanto previsto in precedenza." Di conseguenza, "le aspettative di politica sono cambiate materialmente" in risposta. I funzionari della Fed sono fiduciosi che le pressioni sui prezzi si attenueranno nei prossimi mesi. Tuttavia, diversi funzionari hanno affermato che, se l'inflazione dovesse iniziare a salire, sarebbero disposti ad aumentare nuovamente i tassi di interesse. Un passaggio, quest’ultimo, che ha innescato un piccolo sell-off del rischio e un rafforzamento del dollaro.

Ieri, anche il governatore Waller ha dichiarato di aver bisogno di vedere altri buoni numeri sull'inflazione prima di iniziare a tagliare i tassi, un commento coerente con la posizione attendista riflessa nei verbali.

Sebbene non sia escluso che le sorprese al rialzo dei dati sull’inflazione del primo trimestre possano persistere, ulteriori rialzi dei tassi sono meno probabili. Tuttavia, per passare a un taglio dei tassi, i funzionari della Fed devono vedere un rallentamento del ritmo mensile di aumento dei prezzi. L'IPC di aprile, pubblicato dopo la riunione della Fed, è stato un buon primo passo per ristabilire una serie di letture migliori dell'inflazione, più coerenti con una moderazione dei prezzi.

L'incertezza sulla futura politica della Fed e le elezioni presidenziali di novembre potrebbero catalizzare la volatilità (depressa) nei prossimi mesi. Tuttavia, la combinazione tra l'aumento degli utili societari, il perdurare dell'espansione economica, la robusta liquidità parcheggiata e il potenziale calo dei rendimenti nel corso dell'anno rappresentano uno scenario positivo per i mercati.

Normalmente, la Fed sarebbe stato il protagonista più importante di qualsiasi altra appuntamento sul mercato, ma poiché la visione data-dependent li porta ad essere dietro i dati del mercato stesso, l’attenzione principale del mercato, per determinare la direzione del mercato da qui in avanti, si è quindi ieri spostata sulle trimestrali di Nvidia.

L’azienda di Santa Clara, nonostante le alte aspettative, non ha deluso gli investitori, anzi ha accentuato la loro avidità. Se inizialmente il mercato prevedeva un supporto agli utili delle Magnifiche 5 (Amazon, Alphabet, Meta, Microsoft e Nvidia) del 64%, i dati hanno mostrato invece un progresso di tale gruppo dell'88%.

Nvidia era la protagonista più attesa di questo progresso e i suoi dati non hanno deluso gli investitori. Con utili record, flussi di cassa in netto aumento, una guidance che evidenzia una domanda in crescita, dividendi in aumento e la tanto attesa stock split, l'azienda ha superato le aspettative del mercato.

Con una crescita annua del 426%, il business dei data center rappresenta ora oltre l’86% del giro d’affari societario, distaccando notevolmente il secondo business del gaming, sceso a poco più del 10%.

L'earning call di Nvidia per il primo trimestre dell'anno fiscale 2025 ha rivelato una serie di progressi significativi e piani ambiziosi, con un focus particolare sull'espansione e l'innovazione nel settore dell'intelligenza artificiale. Durante la call, è stata illustrata la performance eccezionale del settore Data Center, che ha registrato un fatturato record di 22,6 miliardi di dollari, guidato dalla forte domanda per la piattaforma di computing GPU NVIDIA Hopper, con un incremento notevole tanto nel settore enterprise quanto in quello dei consumatori internet.

LEGGI ANCHE: Apple e Nvidia guidano i mercati capitali: brillano anche Ferrari e Cucinelli

Un tema ricorrente durante la call è stata l'importanza crescente dell'AI come leva di crescita per Nvidia. L'azienda ha sottolineato come l'uso dell'AI stia accelerando significativamente non solo nei settori tradizionali come i data center e l'automotive, ma anche in nuovi ambiti come l'AI sovrana e le infrastrutture cloud ottimizzate per l'AI.

Durante la conference call, è stata citata l'Italia: "Le nazioni stanno sviluppando la capacità informatica nazionale attraverso vari modelli. Alcuni stanno acquistando e gestendo cloud IA sovrani in collaborazione con fornitori o servizi di telecomunicazioni di proprietà statale. Altri stanno sponsorizzando partner cloud locali per fornire una piattaforma informatica IA condivisa per l’uso nel settore pubblico e privato.

Ad esempio, il Giappone prevede di investire più di 740 milioni di dollari nei principali fornitori di infrastrutture digitali, tra cui KDDI, Sakura Internet e SoftBank per costruire l’infrastruttura AI sovrana della nazione. Scaleway, con sede in Francia, una filiale del gruppo Iliad, sta costruendo il supercomputer AI nativo del cloud più potente d'Europa.

In Italia, il Gruppo Swisscom costruirà il primo e più potente supercomputer nazionale basato su NVIDIA DGX per sviluppare il primo LLM con formazione nativa in lingua italiana. E a Singapore, il National Supercomputer Center viene aggiornato con le GPU NVIDIA Hopper, mentre Singtel sta costruendo le fabbriche di intelligenza artificiale accelerata di NVIDIA in tutto il sud-est asiatico."

Questi settori rappresentano non solo una fonte di ricavi in espansione ma anche un'opportunità per Nvidia di consolidare la sua posizione di leader nel mercato dell'AI.

La call ha anche messo in luce le sfide legate alla gestione della catena di approvvigionamento e alle nuove regolamentazioni di esportazione, specialmente per quanto riguarda il mercato cinese, che continua a essere competitivo e complesso a causa delle restrizioni commerciali recentemente imposte.

Durante la sessione di domande e risposte, i giornalisti hanno espresso un forte interesse per la tempistica delle consegne e per l'adozione dei nuovi prodotti Blackwell, indicando una forte anticipazione del mercato per queste tecnologie innovative. Con uno stock split 10-1, l'ottimismo dell'azienda riguardo alla sua crescita futura e il desiderio di rendere le azioni più accessibili risultano ampiamente giustificati.

Josh Gilbert, market analyst eToro

"Nvidia ha fatto centro ancora una volta. Jensen Huang e il suo team stanno sfruttando appieno il boom dell'intelligenza artificiale, registrando ricavi e utili ben al di sopra delle previsioni e aggiornando la guidance per il secondo trimestre. I ricavi dei data center sono aumentati di oltre il 400% nel trimestre, raggiungendo l'enorme cifra di 22,5 miliardi di dollari.

I risultati di oggi sottolineano ancora una volta che la domanda di IA è costante e non mostra segni di cedimento. Le aziende continuano ad aumentare le spese in conto capitale, in particolare le big tech, per stare al passo con questa tecnologia rivoluzionaria, e Nvidia è di gran lunga il maggior beneficiario. La prospettiva più interessante per gli investitori è che l'IA sembra essere appena iniziata.

Non solo Nvidia sta premiando i suoi azionisti, ma è anche uno dei principali motori di crescita degli utili dell'S&P500. Sta sostenendo i titoli tecnologici più ampi e questo risultato probabilmente getterà le basi per un altro record dell'S&P500. I punti interrogativi sulla valutazione rimarranno, ma non si può negare la crescita che Nvidia continua a garantire.

Come se non bastasse, Nvidia ha annunciato un free cash flow di 14,93 miliardi di dollari, con un aumento del 461% rispetto all'anno precedente, che ha portato a un aumento del 150% del dividendo. Con le azioni che hanno superato la soglia dei 1.000 dollari negli scambi after-hours, l'azienda ha anche annunciato un frazionamento azionario 10-1 per garantire che il titolo rimanga accessibile agli investitori e dovrebbe solo migliorare il sentiment”.

Sam North, Market Analyst di eToro

La crescita di Nvidia rimane sorprendente e la posiziona come terza società di maggior valore a livello globale, sostenuta dal boom dell'IA che sta guidando la sua espansione in diversi settori. Nonostante la concorrenza di AMD nei processori grafici, Nvidia mantiene una quota di mercato dell'80%. Tuttavia, un ulteriore calo della quota di mercato potrebbe mettere in discussione i suoi obiettivi di crescita.

Il sentimento degli analisti rimane ottimista, anche se le tradizionali metriche di valutazione suggeriscono che il titolo è altamente valutato, con un rapporto P/E forward di 35. Vale la pena di notare che, essendo la terza società dell'S&P 500, con oltre il 5% dell'indice, la performance di Nvidia può avere un impatto significativo sul mercato più ampio.

La fluttuazione del titolo vicino alla soglia dei 1.000 dollari riflette sia l'entusiasmo che i rischi intrinseci, tra cui i problemi della catena di approvvigionamento. Tuttavia, la forte domanda di chip AI sostiene le prospettive positive, affermando il ruolo significativo dell'AI nell'attuale successo di Nvidia.

*Market analyst di eToro






in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


motori
ADAC Opel Electric Rally Cup: leadership verde nei rally europei

ADAC Opel Electric Rally Cup: leadership verde nei rally europei

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.