A- A+
Economia
Coronavirus e app: Italia a confronto con Singapore, Corea del Sud e Usa

Allentare troppo presto le misure prese per rallentare l’epidemia di Covid-19 rischia di “avere conseguenze catastrofiche” secondo gli esperti del Mit di Boston che hanno elaborato un nuovo modello per prevedere la diffusione della malattia. Il modello, basato su dati disponibili pubblicamente, combinati ad equazioni epidemiologiche basate sui focolai esistenti e su inferenze basata su una rete neurale, si è dimostrato accurato nel descrivere l’andamento dell’epidemia da gennaio a inizio marzo e poi anticipando correttamente il vero trend di diffusione fino al 1 aprile nelle varie aree del mondo.

 

La buona notizia è che il plateau di infezione da Covid-19 dovrebbe essere raggiungo sia in Italia sia negli Usa la prossima settimana, come suggerito da precedenti previsioni. La cattiva è che ciò non consentirà in alcun modo di ammorbidire le misure di distanziamento sociale e di quarantena. “Abbiamo previsto che se si ammorbidissero troppo presto le misure di quarantena le conseguenze sarebbero molto più catastrofiche", spiega il professor George Barbastathis, docente di ingegneria meccanica del Mit, che ha sviluppato il modello, aggiungendo di attendersi in quel caso una ripresa simile alla seconda ondata che si è registrata a Singapore da metà marzo, avendo la città abbassato troppo presto la guardia.

 

Proprio il riferimento a Singapore, dove le autorità hanno utilizzato una app di contact tracing dei positivi al Covid-19 scaricabile su base volontaria e basata sulla tecnologia bluetooth e non Gps (come ha invece preferito utilizzare la Corea del Sud, per tracciare la posizione e così consentire di identificare i singoli utenti) ma dove comunque si sono registrati in tutto poco più di 5 mila casi e 11 morti su 5,84 milioni di residenti, è l’esempio a cui guardano l’Italia e la Ue. A fronte di 12 governi (tra cui quello di Roma) già impegnati a far sviluppare app di tracciamento, la Commissione Ue ha approvato un set di regole che gli sviluppatori europei dovranno seguire.

 

Le singole app dovranno: rispettare la privacy delgi utenti, essere sviluppate in stretto coordinamento con le autorità nazionali, prevedere il download su base volontaria (“opt in”), sfruttare la tecnologia low energy bluetooth, anonimizzare i dati per impedire di risalire all’identità dei singoli utenti, essere interoperabili anche oltre confine, essere progettate in base ai migliori standard epidemiologici esistenti e infine essere “sicure ed efficaci”. La modalità “opt in”, ossia l’uso delle app solo su base volontaria, è il punto più critico di questo approccio.

 

Il sistema di raccolta dati può infatti funzionare solo se raggiunge una soglia di adozione di almeno un 60% ed una cosa è raggiungerla in una singola città, un’altra in un’intera nazione o continente. In Italia il ministero dell’Innovazione ha selezionato tra 300 proposte la app di contact tracing “Immuni” di Bending Spoons, scaleup fondata nel 2013 a Copenhagen da quattro ragazzi italiani e un polacco e trasferitasi l’anno seguente a Milano, in Corso Como 15. I “cinque amici al bar” sono nel frattempo diventati il principale app developer europeo.

 

Con un team di quasi 130 persone (tutti ex-McKinsey, ex-Google o ex-Facebook), hanno già aperto il capitale (cedendo in tutto il 5,7%) a H14, family office della famiglia Berlusconi, Nuo Capital, holding di investimenti della famiglia Pao Cheng di Hong Kong, e StarTip, iniziativa di Tamburi Investment Partner da 100 milioni di euro che investe in startup/scaleup, nel digitale e nell’innovazione e che oltre che in Bending Spoons ha partecipazioni in Alkemy, Buzzoole, Digital Magics, Talent Gardens e Telesia. Immuni sarà scaricabile da chiunque gratuitamente sul proprio smartphone e potrà in seguito essere rimossa una volta passata l’emergenza.

 

Sarà tuttavia necessario un forte senso civico perché Immuni possa servire allo scopo. Ci sono alternative alla soluzione italiana? C’è quella sud coreana, ma appare totalmente incompatibile con le esigenze di tutela della privacy tipiche di una società che voglia dirsi democratica. Oppure c’è la strada scelta da Israele con la app Hamagen (scudo) che traccia i movimenti dei singoli utenti e, incrociando i dati del ministero della Salute, se individua possibili “contatti” con soggetti positivi al Covid-19 collega il proprietario dello smartphone al sito web del ministero della Salute per informazioni su cosa fare dopo il “contatto” e su come registrarsi in auto-quarantena.

 

Il dato non è dunque anonimizzato, ma le informazioni sul movimento sono registrate solo sullo smartphone, mantenuto costantemente aggiornato coi dati epidemiologici del Covid-19 del ministero della Salute. Più indietro appaiono la Russia, la Gran Bretagna e gli Usa. In Russia siamo ancora nella fase degli annunci, ma nulla si sa di come sarà la app né di quando sarà disponibile. Nel Regno Unito il ministero della Salute sta sviluppando una propria app di tracciamento “opt in”, ma non è ancora noto quando sarà rilasciata. Negli Usa Google e Apple hanno unito gli sforzi per sviluppare una API (Interfaccia di programmazione di applicazioni) che funzioni direttamente in iOS e Android e consenta lo sviluppo di app per rintracciare chi è stato infettato dal Covid-19.

 

L’API in questione dovrebbe essere disponibile a tutti gli sviluppatori da metà maggio ed anche in questo caso si tratterà di una tecnologia “opt in”, per consentire alle autorità sanitarie dei vari paesi di contattare le persone che potrebbero essere state esposte al coronavirus, tutelandone la privacy. Sarà in sostanza la piattaforma comune a partire dalla quale ciascuno sviluppatore e autorità sanitaria mondiale potrà personalizzare la propria soluzione. In tutti i casi se non si riuscirà a convincere la maggior parte delle persone che il sistema è sicuro e non mette a rischio la privacy, qualsivoglia “fase 2” rischierebbe di avere vita corta. Incrociamo le dita sperando non ci siano “corse in avanti”, al buio: di solito è il modo migliore per farsi molto male.

Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus appcoronavirus app tracciamentocoronavirus app italia
    i più visti
    in evidenza
    Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

    Neymar superato da Leo

    Messi il Re Mida del calcio
    110 milioni per tre anni al PSG


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

    Nuova C3 sostiene la strategia di espansione internazionale di Citroën

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.